Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

Lugano

Nuova sfida imprenditoriale per il pilota italiano nella centralissima Piazza Dante

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè
© Passion Cafè

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

© Passion Cafè

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

Andrea Iannone inaugura il Passion Cafè

Nuova sfida imprenditoriale per Andrea Iannone: nella ristorazione, con l’apertura del suo secondo locale a Lugano. Lunedì, nel cuore pulsante della città, nella centralissima Piazza Dante, il pilota italiano ha inaugurato Passion Cafè, il nuovo risto-bar di stile e tendenza dove cucina internazionale, caffetteria, pasticceria artigianale, healthy food e cocktail convivono in un unico luogo aperto fino a tarda sera.

«Passion Cafè – si legge nel comunicato – vuole essere il luogo in cui ritrovare il piacere di stare insieme, bere un caffè, pranzare o fare un brunch apprezzando anche insieme i piaceri della cucina internazionale e della ‘nuova normalità’: distanze, spazi, tecnologia, innovazione, igiene, rigore condiviso, take away e food delivery».

E ancora: «Un’oasi di svago e di relax, ma anche un concept store dove acquistare rilassandosi dolci, torte, prodotti dolciari creati direttamente dal laboratorio artigianale presente nel locale, oltre all’esclusiva miscela di caffé V9, creato dalle migliori selezioni del mondo, un marchio servito unicamente nei locali di Iannone, ma sul quale già si lavora ad una rete di distribuzione. L’offerta food è variegata e contemporanea, piatti tradizionali italiani e scelte di cucina europea e internazionale, un menù all’insegna del gusto senza tralasciare proposte healthy. Croque Madame, Bagel o Avocado toast sono tra le offerte all day (ore 10-18), mentre per i pasti principali si spazia fra tradizione e innovazione, dalla lasagna al beef burger dalla quinoa con verdure croccanti al fish and chips. Tutto rigorosamente servito secondo i principi della tradizione culinaria italiana: qualità delle materie prima e la passione che dà il nome al locale. Non manca la dolcezza con la pasticceria di produzione propria e un’ampia offerta di cocktail con prodotti sempre freschi».

Il progetto Passion Cafè, si legge ancora nella nota stampa, «nasce dall’interesse già consolidato di Andrea Iannone per la ristorazione e la caffetteria unità al design e alla moda. Già founder e socio dal 2020 del Jungle Club a Lugano e del Ventinove Sushi Bar e Ventinove Ristorante, il pilota abruzzese investe sempre di più sul settore ho.re.ca posizionandosi sul mercato internazionale». «Vivo a Lugano e voglio condividere le mie passioni nel luogo che sento come casa - dice Iannone -. Amo le sfide e superare traguardi. Sono un ottimista e non smetto di correre. Accanto a me in questo nuovo progetto ci sono i miei soci di sempre».

Per il Passion Cafè è stato scelto un ambiente moderno dal gusto contemporaneo, dal design ricercato, ogni dettaglio è curato alla perfezione: eleganza, colore e gusto dialogano tra di loro, un’atmosfera resa ancor più suggestiva da un’installazione di 4.200 rose. «Passion Cafè segna una nuova linea di partenza per tutti coloro che dopo i duri mesi della pandemia vogliono trovare la grinta per ripartire».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Da Trapani a Lugano in bicicletta

    La storia

    Giuseppe Bica ha concluso il suo lungo viaggio: tremila chilometri per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mobilità sostenibile e per aiutare Medici Senza Frontiere

  • 2

    Presunto stupro, toni accesi in aula

    processo

    Nel secondo giorno di dibattimento le parti hanno cercato di screditare la credibilità dei loro avversari - La donna afferma di essere stata violentata, l’uomo parla di rapporto consenziente - Sentenza settimana prossima

  • 3

    «Con quel sondaggio la Città non c’entra nulla»

    Polo Sportivo

    L’MPS accusa il Municipio di fare campagna in vista sul referendum con una ricerca d’opinioni pilotata e con soldi pubblici - Lugano però smentisce: «Non l’abbiamo commissionato noi e di certo non è finanziato con soldi pubblici» - Il Movimento: «Rischi seri per la libera espressione democratica»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1