Arriva il Ponte di Spada

collegamento

I lavori per la passerella ciclopedonale che collegherà Cagiallo e Dino dovrebbe partire nel 2022 - Verrà anche rifatta la passerella di Sarone a Lugaggia

 Arriva il Ponte di Spada

Arriva il Ponte di Spada

 Arriva il Ponte di Spada

Arriva il Ponte di Spada

 Arriva il Ponte di Spada

Arriva il Ponte di Spada

 Arriva il Ponte di Spada

Arriva il Ponte di Spada

Presentato oggi il messaggio concernente lo stanziamento del credito e l’autorizzazione di spesa per la progettazione e la realizzazione delle nuove passerelle ciclopedonali – Spada e Sarone - previste nei comuni di Capriasca e di Lugano. Alla conferenza stampa erano presenti il consigliere di Stato Claudio Zali, Diego Rodoni, capo dell’Area operativa del Sottoceneri e Fabiano Martini, capo dell’Ufficio della progettazione del Sottoceneri.

Il messaggio – licenziato dal Consiglio di Stato nella seduta di ieri, mercoledì 9 giugno 2021 – mira alla progettazione e la realizzazione delle passerelle ciclopedonali nei comuni di Capriasca e di Lugano. Il messaggio è relativo allo stanziamento di un credito netto di CHF 3'900'000 e autorizzazione di spesa di CHF 8'725'000 per la progettazione e la realizzazione delle passerelle ciclopedonali Spada e Sarone, tratto tra Lugaggia – Sonvico, nei comuni di Capriasca e Lugano (misura ML 4.1 del PAL2). La mobilità lenta assume un ruolo sempre più importante nell’ambito delle strategie di mobilità, in seguito all’aumento generale del traffico degli ultimi due decenni, oltre a rappresentare un importante fattore di qualità di vita. È quindi di fondamentale importanza disporre di una rete della mobilità lenta continua, sicura, attrattiva e adeguatamente segnalata e ben integrata nel contesto territoriale e paesaggistico. Le due nuove passerelle ciclopedonali Spada e Sarone daranno continuità e coerenza con quanto finora intrapreso a favore della mobilità lenta dell’intera regione del Luganese. Rete ciclopedonale del Luganese Nel 2010, il Dipartimento del territorio in collaborazione con la Commissione Regionale dei Trasporti del Luganese (CRTL) ha avviato la progettazione di massima della rete dei percorsi ciclabili cantonali e regionali del Luganese. La rete regionale pianificata conta attualmente circa 120 km di percorsi, che consentiranno di mettere in rete buona parte degli insediamenti dell’agglomerato del Luganese con le principali fermate dei mezzi di trasporto pubblico e i centri di interesse, creando così le basi per un maggior utilizzo della bicicletta negli spostamenti quotidiani. I progetti sono stati oggetto di una consultazione che ha coinvolto la Commissione regionale dei trasporti del Luganese (CRTL), i Comuni e il Gruppo di sostegno percorsi ciclabili e la rete è stata in seguito ripresa dal Programma d’agglomerato del Luganese. Progetti delle passerelle ciclopedonali Spada e Sarone La realizzazione delle passerelle Spada e Sarone, oltre a rientrare nel Programma di agglomerato del Luganese di seconda generazione (PAL2), permetteranno di garantire la continuità tra due dei principali percorsi della rete ciclabile del Luganese. Nello specifico si creerà un percorso ad anello tra le due tratte della rete ciclabile del Luganese, già in parte realizzate, che dal fondovalle si sviluppano una verso la Capriasca fino a Tesserete (Percorso cantonale C3), e l’altra in direzione della Valcolla fino a Sonvico (Percorso regionale R2). Grazie a questo collegamento non sarà necessario superare dislivelli elevati e il tragitto sarà reso più agevole e diretto. Per il ponte di Spada è stato concluso un progetto definitivo, mentre per la passerella Sarone è stato allestito un progetto di massima. Costi e finanziamenti I costi dell’intervento per il progetto definitivo della passerella Spada ammontano a CHF 7'035'000, mentre la stima dei costi dell’intervento per la passerella Sarone sono stimati sulla base di un progetto di massima per un costo complessivo di CHF 1'690'000. Il finanziamento delle opere sarà ripartito tra Confederazione, Cantone e Comuni. Considerato che gli interventi sono inseriti nel pacchetto di misure del traffico lento nell’ambito del Programma di agglomerato del Luganese di seconda generazione (PAL2) saranno in parte finanziate dalla Confederazione, il cui contributo è stimato in CHF 2'000'000. L’onere netto a carico del Cantone ammonta al 58% del costo d’opera, che corrisponde a CHF 3'900'000. I Comuni (CRTL) partecipano con il restante 42% della spesa, corrispondente a CHF 2'825'000. Programma di realizzazione Per quanto concerne il Ponte di Spada, la prossima fase prevede l’elaborazione del progetto stradale, a cui seguirà la pubblicazione del progetto secondo la Legge sulle strade. I lavori dovrebbero prendere avvio nel corso del 2022, la cui durata stimata è di 12 mesi. Mentre per la passerella Sarone, è in previsione la realizzazione del progetto definitivo, a cui seguirà la pubblicazione secondo la Legge sulle strade. Analogamente al Ponte di Spada, i lavori dovrebbero iniziare nel 2022 per una durata di 8 mesi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Zanini contro l’MPS, ma il reato non c’è

    EX MACELLO

    Il movimento guidato da Pino Sergi aveva scritto che la municipale era sul posto, la notte dei fatti, per «indicare quali immobili demolire» - La politica socialista, che ha sempre negato, ha reagito con una denuncia per diffamazione - La Procura ha emesso un non luogo a procedere

  • 2
  • 3

    ‘Ndrangheta in Svizzera: un arresto a Grancia e uno a Spreitenbach

    MAFIA

    L’operazione «Imponimento» contro la cosca Anello-Fruci prosegue – L’uomo finito in manette in Ticino è indagato per associazione mafiosa e trasferimento fraudolento di valori – «È risultato tra i soggetti di riferimento dell’organizzazione in terra elvetica»

  • 4
  • 5

    Trieste, Ticino e la Cina: truffa da 300 milioni

    Indagine

    Gli inquirenti italiani hanno disarticolato una maxifrode al fisco che sarebbe stata architettata da tre persone residenti nella Svizzera italiana - Commerciavano materie prime in nero e tramite documenti falsi riuscivano anche a far rientrare a Pechino ingenti capitali asiatici

  • 1
  • 1