Arrivano le stelle e Lugano si mette in mostra

Guida Michelin

Chef, prodotti e bellezze locali: l’evento Michelin è un’occasione unica per la città e per tutto il Ticino - Ecco i cuochi che realizzeranno il menu per la serata al LAC

 Arrivano le stelle e Lugano si mette in mostra
©Shutterstock

Arrivano le stelle e Lugano si mette in mostra

©Shutterstock

Una vetrina sulle tante cose belle (e naturalmente buone) del nostro territorio: rappresenterà questo l’evento che Michelin ha scelto di ambientare a Lugano il prossimo 24 febbraio. In quell’occasione, infatti, al LAC verranno assegnate le tanto ambite stelle della Guida Rossa per la Svizzera nel 2020.

Una città, Lugano, che rappresenta tutte le «colleghe» ticinesi, come è anche per i suoi prodotti e le eccellenze della sua cucina. A partire dalle 16.30 del 24 febbraio, i circa 450 ospiti della premiazione sono attesi in uno dei luoghi simbolo della cultura cantonale. Qui assisteranno alla cerimonia stellata presentata da Julie Arlin, durante la quale i ristoranti di tutta la Svizzera avranno il responso tanto atteso. Inutile parlare di semplice «medaglia»: la stella, per chi bazzica il mondo del food, rappresenta molto più di un riconoscimento. Michelin, infatti, dall’alto della sua credibilità e della sua lunga storia, anno dopo anno è riuscita nel compito non semplice di orientare i gourmet nella scelta del ristorante.

Sono 18 gli chef di ristoranti ticinesi che sono stati selezionati per realizzare il menu per la serata al LAC Lugano: Claudio Bollini (Seven Lugano The Restaurant), Mauro Grandi (The View Lugano), Cristian Moreschi (Villa Principe Leopoldo), Ambrogio Stefanetti (Vecchia Osteria Seseglio), Nicola Leanza (Ristorante Seven Ascona), Andrea Cingari (Da Enzo), Alessandro Boleso (Grand Hotel Villa Castagnola), Davide Asietti (Blu Restaurant & Lounge), Luca Bellanca (Metamorphosis), Alessandro Fumagalli (6805 La Palazzina), Andrea Muggiano (Moncucchetto), Federico Palladino (Hotel Coronado), Andrea Pedrina (La Dispensa), Andrea Giovanni Bertoni (Sass Cafè), Francesco Sangalli (Ristorante Vicania), Valentino Roversi (Da Valentino), Andrea Levratto (Porto Pojana Ristorante Terminus), Luca Bassan (Ristorante Vetta San Salvatore). Inoltre, l’evento Michelin Star Revelation potrà contare su una dolce proposta firmata dalla pasticceria Marnin.

Il menu, naturalmente, sarà all’insegna di prodotti locali, con particolare attenzione a quelli certificati da BIO Ticino. Tra le etichette enologiche che rappresenteranno i vini nazionali, selezionati da Swiss Wine, ci sarà il Castello di Morcote, dell’omonima cantina di Gaby Gianini, a rappresentanza anche delle donne del vino che non sono più una esigua minoranza in patria. L’evento si concluderà con il Caffè Carlito, eccellenza di casa nostra, scelto anche per lo stesso evento in Norvegia per la presentazione delle stelle nel Nord Europa. (Le curiosità sulla guida Michelin)

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1