Esposizioni

Avvio sofferente per Expomedica

Visitatori sotto le aspettative al Centro esposizioni di Lugano per la fiera dedicata alla sanità Grandi assenti USI_ed EOC – I promotori:_«È un punto di partenza, miglioreremo»

Avvio sofferente per Expomedica
Foto Chiara Zocchetti

Avvio sofferente per Expomedica

Foto Chiara Zocchetti

Avvio sofferente per Expomedica
Foto Chiara Zocchetti

Avvio sofferente per Expomedica

Foto Chiara Zocchetti

Avvio sofferente per Expomedica
Foto Chiara Zocchetti

Avvio sofferente per Expomedica

Foto Chiara Zocchetti

Avvio sofferente per Expomedica
Foto Chiara Zocchetti

Avvio sofferente per Expomedica

Foto Chiara Zocchetti

Avvio sofferente per Expomedica
Foto Chiara Zocchetti

Avvio sofferente per Expomedica

Foto Chiara Zocchetti

LUGANO - Padiglioni semivuoti, grandi nomi della sanità ticinese assenti, nessun appoggio concreto da parte delle istituzioni pubbliche (solo il generico patrocinio della Città di Lugano). È stata una partenza molto in salita quella della prima edizione di Expomedica, la fiera dell’innovazione sanitaria (come recitavano i manifesti) allestita al Centro Esposizioni dal 13 al 16 marzo. «È vero, abbiamo avuto un’affluenza minore delle previsioni, per vari motivi – ammette Sergio Ferrazzo, direttore di Icabe Group, una delle due aziende (l’altra è Ticino Edizioni) che hanno ideato e allestito la fiera – ma questa, per noi, era una sorta di prova, o di numero zero, come si dice quando si parla di nuovi giornali che vanno in edicola. L’idea da cui siamo partiti (quella di far dialogare fra loro le diverse anime di un settore importante come quello della salute) è sicuramente giusta. Dovremo però equilibrare meglio gli ingredienti nella prossima edizione, prevista fra due anni».

Expomedica era divisa in cinque aree (social-medica, terza età, attrezzature per ospedali e studi medici, attrezzature per aiutare chi ha disabilità fisiche, strumenti di diagnosi), con un numero ridotto di espositori, però: solo una quarantina in totale. Dunque, la «copertura» dei vari settori è risultata necessariamente ristretta e frammentaria. «In Ticino la Sanità muove 1,8 miliardi di franchi all’anno – continua Ferrazzo – e le persone direttamente coinvolte (medici, infermieri, tecnici, e così via) sono ben 13.600, a cui ne vanno aggiunte numerosissime altre che intervengono dall’esterno, a vario titolo. Da tempo molti operatori sanitari mi dicevano che sarebbe stato opportuno creare un “luogo” in cui fare incontrare tutti. E noi abbiamo deciso di provare con Expomedica».

Come dicevamo, è mancata la presenza del gigante EOC, ma non si sono fatti vedere neppure il gruppo Swiss Medical Network (Clinica Sant’Anna e Ars Medica), la Clinica Luganese (Moncucco) e l’Università della Svizzera Italiana, con la nuova facoltà di scienze biomediche. Fra i big ticinesi erano presenti solo la Fondazione Cardiocentro e, per le aziende, Medacta. In più, gli stand dell’Ordine dei medici, della Croce verde, della Lega ticinese contro il cancro, del Centro Professionale Sociosanitario di Lugano e del Centromedico. Per il resto, ditte che producono attrezzature per aiutare i disabili o vendono pigiami per gli anziani costretti a rimanere molto a letto, accanto ad aziende che si occupano di telesoccorso o di assistenza domiciliare, e così via. «Non nascondo la delusione – dice Michele Bruno, titolare della ABpharmasteel, specializzata nella fornitura di arredamenti in acciaio inossidabile per sale operatorie e studi medici. – Pochi i visitatori, e assenti le aziende farmaceutiche e gli istituti di ricerca, che sono un orgoglio per il Ticino». Più positiva Federica Carrara, di Bluprisma, un’azienda che si occupa di sistemi informatici: «Non c’era folla, è vero – racconta – ma abbiamo avuto parecchi contatti comunque, in questi giorni».

Sicuramente il prezzo del biglietto di ingresso (15 franchi per i visitatori «generici» e 40 per quelli professionali) ha scoraggiato molti. «Ma ogni azienda che ha partecipato aveva, comunque, un pacchetto di biglietti gratis per i clienti» precisa Francesca Cassani, direttrice di Ticino Edizioni. Anche la vicinanza del «ponte» di San Giuseppe non ha aiutato. «Forse avremmo dovuto puntare di più sull’offerta formativa – aggiunge Ferrazzo. – Avevamo previsto diversi incontri, ma andranno potenziati nel 2021». Numerose le conferenze, senza una grande affluenza di pubblico, però, in molti casi.

Ma c’è spazio in Ticino per fiere di questo tipo? «Nel nostro cantone vengono organizzati numerosi eventi “verticali” (Expomedica appartiene a questa categoria) – dice Francesca Cassani. – E in altre città europee esistono esempi virtuosi, nel settore delle fiere dedicate alla Salute, come a Zurigo, Düsseldorf, o Bologna». Il difficile, come sempre, è prendere le misure. «Voglio rimanere ottimista – conclude Ferrazzo. – Fino a poco tempo fa Expomedica era solo un’idea. Adesso, invece, esiste... È una piccola impronta, un punto di partenza, è vero. Ma faremo di tutto per svilupparlo».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Lugano

    Capitombolo durante Bike Emotions

    La manifestazione, segnata dalle azioni dei vandali, si è comunque tenuta oggi con successo - Non è mancato qualche scivolone - IL VIDEO

  • 2
    Arte

    Wopart ha vinto la sua scommessa

    L’edizione 2019 è stata un successo, anche se gli organizzatori in futuro chiederanno un passo in più alla Città - Il fondatore: «Si può trasformare Lugano nella California della Svizzera, ma va coinvolto il territorio» - LE FOTO

  • 3
    Astano

    «Un 130% che sa di punizione»

    Il Cantone aumenta il moltiplicatore del 20% e i cittadini chiedono le dimissioni immediate del Municipio - «Il nostro Comune è discriminato ulteriormente nei confronti degli altri ticinesi»

  • 4
    Visionary Day

    «Sul 5G contano i fatti»

    Intervista al direttore dell’Ufficio federale delle comunicazioni Philipp Metzer – I giovani e le sfide della digitalizzazione: occorre essere sempre aggiornati e non dare nulla per scontato o acquisito

  • 5
    eventi

    Bike Emotions nel mirino dei vandali

    Nella notte i soliti ignoti hanno distrutto parte del percorso di gara della terza edizione della manifestazione a Lugano - Riccardo Braglia: «Lo stesso è già successo con le sculture di Xhixha!»

  • 1