Mobilità

Boom del bike sharing a Lugano

Nei primi due mesi dell’anno ci sono state 6.000 transazioni in più rispetto al 2018 - La Città ha deciso di allestire altre 6 postazioni con 58 bici supplementari

Boom del bike sharing a Lugano

Boom del bike sharing a Lugano

Boom del bike sharing a Lugano

Boom del bike sharing a Lugano

LUGANO - La Città di Lugano amplierà la sua rete di bikesharing allestendo sul territorio cittadino sei ulteriori stazioni - che verranno introdotte a breve in Piazza Manzoni, via Beltramina, via Ceresio, via Crocetta, via Ferri e presso l’Ospedale Italiano. Saranno inoltre messe a disposizione degli utenti 58 bici supplementari, di cui la metà elettriche. Con questo nuovo potenziamento il sistema bike sharing di Lugano raggiunge le 37 postazioni con 208 biciclette, di cui 104 elettriche.

A seguito dell'ampliamento della rete dello scorso mese di dicembre, l'utilizzo del bikesharing ha avuto un notevole incremento, con medie di transazioni pari a quelle registrate durante il periodo estivo. A titolo di paragone nei mesi di gennaio e febbraio del 2018 si erano registrate 2.724 transazioni, mentre quest'anno sono state 7.717, con un aumento del 183%. Anche i dati dei primi 11 giorni del mese di marzo lasciano presagire la stessa tendenza, con un numero di transazioni superiore di 455 rispetto a quelle registrate nel marzo 2018.

La decisione del Municipio è coerente con gli impegni presi nelle Linee di sviluppo 2018-2028. Nell’area di intervento “Lugano città attenta all’ambiente e alla qualità urbana”, infatti è indicato fra gli obiettivi l’aumento progressivo della quota di trasporto pubblico e della mobilità lenta con, in particolare, il progressivo potenziamento del sistema di bike sharing con bici tradizionali ed elettriche entro il 2020.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
    PARADISO

    Il tunnel dimenticato rivede la luce

    Sarà percorsa dai ciclisti la galleria abbandonata da un secolo e mezzo che attraversa capo San Martino – Da lì avrebbe dovuto passare la linea ferroviaria del San Gottardo, ma un crack finanziario fermò tutto

  • 2
    traffico

    Ponte Tresa: meno macchine, più lago

    Presentato al Cantone un progetto di aggiramento che cambierebbe volto al villaggio - Zali è possibilista: «Potremmo riqualificare la riva e restituire qualità di vita alla zona»

  • 3
    lutto

    Addio a Bruno Beyeler

    Già giocatore, capitano e vice-presidente del FC Lugano, è stato stroncato da un infarto che lo ha colpito qualche giorno fa

  • 4
    il caso

    Campione, l’ultima disperata carta

    I sindacati chiedono al Prefetto che il caso sia gestito come una calamità naturale - «Vanno sospesi i versamenti tributari e dei mutui, per molti è impossibile pagarli»

  • 5
  • 1