“Brutta, cupa, evitabilissima”

Nemmeno al sindaco Borradori piace la controversa campagna di Philipp Plein: "Ma di cartelloni a Lugano non ce ne sono e su Internet possiamo fare ben poco"

“Brutta, cupa, evitabilissima”

“Brutta, cupa, evitabilissima”

LUGANO - Sul sushi e la pizza in ufficio a ora tarda si erano sprecate le battute, ma stavolta, comunque la si pensi, non c'è molto da ridere. Philipp Plein torna a far discutere con la sua ultima campagna di comunicazione studiata per gli sconti del «black friday». Il messaggio che voleva far passare la casa di moda è chiaro: «price killer», uccidiamo i prezzi. È la scelta delle immagini ad aver sollevato un polverone, a maggior ragione per il fatto che domenica era la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Tra il dire e il fareI Verdi invitano la Città ad attivarsi per la rimozione della controversa reclame: richiesta che solleva in primis una questione di territorialità. Che legami ci sono tra questa campagna e Lugano, a parte il fatto che Philipp Plein ha una sede in via Maggio? Dove sono stati esposti i cartelloni? Qualcuno dice di averne visto uno affisso proprio sul quartier generale della casa di moda, ma Miranda Kruidenier, assistente dello stilista, smentisce. La Società generale affissioni non è stata coinvolta, quindi nessun manifesto in altre parti della città, mentre il negozio che vende prodotti di Philipp Plein in via Nassa non è «monomarca» e quindi, di norma, viene escluso da queste campagne. Rimangono solo il «domicilio » dell'azienda e il suo sito Internet, dove le foto incriminate campeggiano in primissimo piano. «Io difendo Lugano da queste cose e se ci fosse un cartello sarei favorevole a farlo togliere, ma se parliamo soltanto del sito è molto difficile per la Città fare qualcosa». Così il sindaco Marco Borradori risponde alle pressioni di chi vorrebbe delle contromisure. Se il «fare» è tutt'altro che semplice, il sindaco non si tira però indietro dal «dire». «Secondo me è una campagna brutta, cupa, triste, evitabilissima, di cattivo gusto: pessimo se lanciata volutamente in concomitanza con la giornata contro la violenza sulle donne. Da chi tende al bello ci si aspetta qualcosa che vada in una direzione diversa ».

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Processo

    Condannati a tre anni per la truffa risarcita

    Pene parzialmente sospese per l’amministratore e il titolare di una ditta di commercio di rottami del Bellinzonese - Avevano spillato oltre 3 milioni di franchi a una ditta di riscossione crediti tramite doppia fatturazione

  • 2
    Teleriscaldamento

    Lido, quattro milioni per ripensare l’energia

    A Lugano i lavori sul prato di fronte alla piscina coperta avranno inizio nel mese di settembre e dovrebbero protrarsi per circa un anno – Se tutto va secondo i piani l’entrata in funzione potrebbe avvenire nell’autunno 2021 – L’idea risale ad alcuni anni fa

  • 3
  • 4
    Lugano

    Controlli più serrati alla foce del Cassarate

    Dopo che la foto degli assembramenti di giovedì ha fatto il giro del web, questa giornata di sabato sembra essere trascorsa all’insegna del rispetto delle distanze sulla riva del Ceresio - «Se non si rispettano le regole saremo costretti a chiudere nuovamente tutto», aveva avvertito Borradori due giorni fa - GUARDA LE FOTO

  • 5
    Pandemia

    Assembramenti a Lugano, «non ci siamo!»

    Il municipale Lorenzo Quadri diffonde le foto di gente che non rispetta il distanziamento e tuona: «La polizia non fa contravvenzioni, poi fanno cassetta coi radar per 5 km/h in più»

  • 1