C’è qualcosa da affinare ma poi si potrà partire

Campo Marzio

Nell’ultimo anno si è parlato soprattutto del Polo sportivo, ma anche quello turistico e congressuale prosegue e si prepara ad entrare nella fase più importante - Borradori: «Ci vorrà qualche mese per discutere con i privati su come risolvere alcuni punti deboli»

C’è qualcosa da affinare ma poi si potrà partire
Sono due le giurie che stanno analizzando i progetti dei gruppi privati intenzionati a investire nell’area. © CdT/Gabriele Putzu

C’è qualcosa da affinare ma poi si potrà partire

Sono due le giurie che stanno analizzando i progetti dei gruppi privati intenzionati a investire nell’area. © CdT/Gabriele Putzu

Nell’ultimo anno l’attenzione mediatica era tutta rivolta al Polo sportivo e degli eventi. Ma in parallelo la Città lavora anche a un altro grande progetto, giudicato da molti perfino più importante: il Polo turistico e congressuale di Campo Marzio. Sono stati fatti passi avanti? La procedura avanza secondo i piani o ci sono ritardi? Abbiamo fatto il punto con il sindaco Marco Borradori. «Il progetto - ci viene spiegato - è al vaglio di due giurie: una si occupa degli aspetti economici ed è presieduta dall’avvocato Ivo Wuthier e l’altra, di cui sono presidente io, valuta gli aspetti architettonici. Parlo quindi in questa veste (e per esigenze di legge, essendo ancora aperto il concorso, non ha potuto entrare nei dettagli dei progetti in gara, ndr). Il dicastero della Città che principalmente...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Giuliano Gasperi
  • 2 John Robbiani
Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Da Trapani a Lugano in bicicletta

    La storia

    Giuseppe Bica ha concluso il suo lungo viaggio: tremila chilometri per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mobilità sostenibile e per aiutare Medici Senza Frontiere

  • 2

    Presunto stupro, toni accesi in aula

    processo

    Nel secondo giorno di dibattimento le parti hanno cercato di screditare la credibilità dei loro avversari - La donna afferma di essere stata violentata, l’uomo parla di rapporto consenziente - Sentenza settimana prossima

  • 3

    «Con quel sondaggio la Città non c’entra nulla»

    Polo Sportivo

    L’MPS accusa il Municipio di fare campagna in vista sul referendum con una ricerca d’opinioni pilotata e con soldi pubblici - Lugano però smentisce: «Non l’abbiamo commissionato noi e di certo non è finanziato con soldi pubblici» - Il Movimento: «Rischi seri per la libera espressione democratica»

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1