Cani guida a scuola a Magliaso

Aperta la prima struttura di formazione della Svizzera italiana - Betsy e Anakin i primi allievi

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

Cani guida a scuola a Magliaso

MAGLIASO - Si chiamano Betsy e Anakin e da qualche mese stanno imparando ad essere gli occhi delle persone non vedenti che presto dovranno accompagnare. Sono i primi due cani guida in addestramento alla nuova sede della Fondazione romanda per cani guida per ciechi aperta quest'estate a Magliaso, in un edificio costruito su misura per i quattro zampe nei pressi della fermata del trenino FLP. La struttura è gestita da Christian Baroni insieme alla moglie Christine Baroni-Pretsch (direttrice della Fondazione) e vuole garantire un migliore servizio di prossimità ai non vedenti della Svizzera italiana. Ad oggi sono una decina i cani guida nella nostra regione, "ma grazie alla nuova antenna ticinese abbiamo diverse richieste e contiamo di aumentarne il numero" afferma Baroni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
    Lo spunto

    «Varese, Como e Lugano unite possono competere con Milano»

    La regione, se vista dall’alto, forma una metropoli di 1,83 milioni di abitanti - Il sindaco di Varese Galimberti parla dei rapporti con il Ticino e delle potenzialità, rispetto ai grandi centri, delle città medie - «Però devono collaborare»

  • 3
    Isole di calore

    Parti di Lugano scottano, ma si possono raffreddare

    Città mappata con termocamere: in viale Cattaneo una sera d’agosto alle sette c’erano oltre quaranta gradi, sotto gli alberi a pochi metri una decina in meno - Si studiano possibili soluzioni dai giochi d’acqua a vele, resine e tetti verdi

  • 4
    Lugano

    Lo spacciatore agli inquirenti: «Grazie per avermi fermato»

    Due anni sospesi a un 41.enne a processo oggi che in tre anni ha venduto oltre un chilo di cocaina a diversi acquirenti della zona - L’ha fatto per finanziare il suo consumo, cominciato a causa di una depressione dovuta a una grave malattia - Gli è stato riconosciuto il sincero pentimento

  • 5
  • 1