Casinò Campione: la Procura rinvia a giudizio diciotto persone

Enclave

Tutto ruota attorno ai soldi che la casa da gioco doveva annualmente al Comune, unico azionista della società di gestione

Casinò Campione: la Procura rinvia a giudizio diciotto persone
© CdT/Gabriele Putzu

Casinò Campione: la Procura rinvia a giudizio diciotto persone

© CdT/Gabriele Putzu

Un dissesto da 61 milioni di franchi nelle casse del Comune di Campione d’Italia causati da una serie di illeciti nel rapporto con il Casinò, portato al fallimento nel 2018 con 130 milioni di euro di debiti, lasciando a casa 500 dipendenti.

La Procura di Como ha rinviato a giudizio 18 amministratori, compresi due ex sindaci chiedendo una sola archiviazione. Le accuse, a vario titolo, vanno dall’abuso d’ufficio al falso in bilancio, per passare al falso in atto pubblico. L’udienza preliminare, come scrivono La Provincia di Como e Il Giorno, non è ancora stata fissata.

Tutto ruota attorno al Casinò di Campione e alle cosiddette «decadali», vale a dire ai soldi che la casa da gioco doveva annualmente al Comune, unico azionista della società di gestione.

Molti soldi: basti pensare che dal 2006 al 2018 sono stati versati 577 milioni e 375 mila franchi svizzeri, pari a 530 milioni di euro, a un Comune di 1900 abitanti, che contava più di 100 dipendenti.

Con la crisi delle case da gioco - secondo la Procura - gli indagati avrebbero rinunciato agli introiti causando un dissesto nelle casse del Comune di 61 milioni di franchi, modificato la convenzione con la casa da gioco a danno del Comune e provveduto a un indebito anticipo di tesoreria a favore del Casinò da 21 milioni.

Per gli amministratori del Casinò, invece, la contestazione è di falso in bilancio per aver «gonfiato» indebitamente il patrimonio netto nascondendo il reale stato in cui versavano le casse della casa da gioco.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Il mercatino di Natale di Lugano ci sarà

    eventi

    La decisione del Municipio, che intende consentire «alla popolazione di vivere, seppur con delle restrizioni, l’atmosfera natalizia» - Allestito un preciso piano di protezione per evitare i contagi

  • 2

    Sfitto su e affitti giù? Sì, però...

    L’ANALISI

    A Lugano l’aumento dellle abitazioni vuote alimenta la speranza di trovare una sistemazione a canoni più favorevoli - Gli affitti negli ultimi quattro anni sono calati, ma prima erano cresciuti

  • 3
  • 4

    Radicalismo in Ticino, ombre e casi mai chiariti

    Aggressione alla Manor

    Il nostro cantone è stato crocevia di varie vicende sospette: dai giovani partiti come foreign fighters ai presunti finanziamenti dal Qatar, fino agli scontri legali tra l’imam di Viganello e gli 007 elvetici, che lo accusavano di sostenere la jihad

  • 5
  • 1
  • 1