Centro sociale torna al Maglio? È una delle possibilità al vaglio

Lugano

Dopo l’ultimatum al CSOA, la disdetta della convenzione e la richiesta di lasciare l’ex Macello, le autorità hanno velocizzato la ricerca di un luogo per l’autogestione

Centro sociale torna al Maglio? È una delle possibilità al vaglio

Centro sociale torna al Maglio? È una delle possibilità al vaglio

Sulle possibili alternative da proporre al Centro Sociale Autogestito il Molino si è cambiato marcia. A tal punto che, tra le varie ubicazioni alternative sul tavolo delle discussioni del gruppo di lavoro ad hoc, ce ne sarebbero alcune che porterebbero alla zona della Stampa. Stando a nostre informazioni, dunque, ci sarebbe la possibilità di offrire uno spazio all’autogestione, a patto però che inizi un dialogo con il Municipio. Se questo si concretizzasse – ovvero trovando un luogo adatto nella zona della Stampa, quindi non in città, ma neppure così fuori – si potrebbe parlare di «ritorno al passato»: al Maglio dove il CSOA si era insediato per diverso tempo dopo l’incendio ai Molini Bernasconi e prima del trasferimento all’ex Macello. Una soluzione definitiva comunque - ce lo hanno confermato...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    L’auto con Eitan fermata dalla polizia prima del volo

    Il caso

    Lo rivela il Corriere della Sera, secondo cui le autorità avrebbero svolto un normale controllo identificando gli occupanti – La Polca però nega: «Dalle verifiche esperite al nostro interno non risulta che la Polizia cantonale abbia mai controllato le persone oggetto dell’articolo»

  • 3

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    Lugano

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4

    «In Svizzera la mafia c’è e investe i suoi soldi»

    conferenza

    All’USI si è tenuto il primo convegno dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata - Intervenuta anche la PM antimafia Alessandra Cerreti: «Grandissima capacità imprenditoriale, investono in bitcoin e sono laureati nelle migliori università»

  • 5
  • 1
  • 1