Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

Incidente

Si tratta di un 34.enne svizzero domiciliato nel Luganese - L’incidente è avvenuto sulla Piodella

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte
© Rescue Media

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

© Rescue Media

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte
© Rescue media

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

© Rescue media

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

(Aggiornato alle 19.54) - Ha riportato gravi ferite tali da metterne in pericolo la vita un ciclista 34.enne investito oggi verso le 12.15 sulla Piodella a Muzzano da una VW guidata da un 86.enne della regione. Lo rende noto la Polizia cantonale. Il 34.enne, uno svizzero domiciliato nel Luganese, circolava sulla destra su via al Laghetto in direzione di Sorengo quando, per cause che l’inchiesta di polizia dovrà stabilire, giunto all’altezza del cavalcavia dell’autostrada, è stato investito dalla vettura che circolava nella medesima direzione. A causa del violento urto l’uomo è stato sbalzato dalla bici cadendo a terra.

La sicurezza che verrà

Ogni grave incidente stradale ci spinge a chiederci se il luogo in cui è avvenuto sia abbastanza sicuro. Nel caso della Piodella la risposta è una beffa. Dovrebbero infatti iniziare settimana prossima i lavori per la creazione di una nuova ciclopista che offrirà condizioni di sicurezza ben diverse da quelle attuali.

L’opera, tra le varie cose, prevede l’allargamento del marciapiede sul lato della strada in cui è avvenuto l’incidente e la separazione, con una barriera, fra la mobilità lenta il traffico motorizzato.

Periodo nero

Sono giorni tristi per gli amanti delle due ruote. Sempre oggi è successo un altro incidente, il cui protagonista non avrebbe riportato ferite gravi. Si tratta di un ciclista caduto mentre percorreva un sentiero nei boschi sopra Pura insieme ad altri appassionati.

Secondo le prime informazioni raccolte da Rescue Media, per motivi da chiarire, l’uomo ha perso il controllo della sua bici uscendo di strada e finendo in una scarpata. Sul posto sono intervenuti i soccorritori della Rega, che hanno recuperato il ferito con un elicottero e poi lo hanno portato al pronto soccorso. Non è in pericolo, come non lo è (più) la ragazza di dodici anni caduta in bici finendo contro un paletto martedì scorso a Bedano.

Uscendo dai nostri confini, non si può dimenticare il grave incidente accaduto venerdì in Toscana ad Alex Zanardi durante una gara di handbike: un dramma che tocca chiunque si alza sui pedali, di fianco a mezzi più pesanti e più veloci, per inseguire la sua passione.

Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte

Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale e, in supporto, della Polizia della città di Lugano nonché i soccorritori della Croce Verde di Lugano, che dopo aver prestato le prime cure al ciclista, lo hanno trasportato in ambulanza all’ospedale.

Loading the player...
Ciclista investito da un’auto a Muzzano: rischia la morte
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    «Varese, Como e Lugano unite possono competere con Milano»

    Lo spunto

    La regione, se vista dall’alto, forma una metropoli di 1,83 milioni di abitanti - Il sindaco di Varese Galimberti parla dei rapporti con il Ticino e delle potenzialità, rispetto ai grandi centri, delle città medie - «Però devono collaborare»

  • 3

    Parti di Lugano scottano, ma si possono raffreddare

    Isole di calore

    Città mappata con termocamere: in viale Cattaneo una sera d’agosto alle sette c’erano oltre quaranta gradi, sotto gli alberi a pochi metri una decina in meno - Si studiano possibili soluzioni dai giochi d’acqua a vele, resine e tetti verdi

  • 4

    Lo spacciatore agli inquirenti: «Grazie per avermi fermato»

    Lugano

    Due anni sospesi a un 41.enne a processo oggi che in tre anni ha venduto oltre un chilo di cocaina a diversi acquirenti della zona - L’ha fatto per finanziare il suo consumo, cominciato a causa di una depressione dovuta a una grave malattia - Gli è stato riconosciuto il sincero pentimento

  • 5
  • 1
  • 1