Cinque teenager in manette nel Luganese

Polizia

Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di minaccia, coazione, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti, nonché infrazione alla Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni

Cinque teenager in manette nel Luganese
© CDT/Chiara Zocchetti

Cinque teenager in manette nel Luganese

© CDT/Chiara Zocchetti

Un 20.enne, un 19.enne, due 17.enni e un 16.enne, tutti domiciliati nel Luganese, arrestati mercoledì 6 novembre con ipotesi di reato tra cui figurano minaccia, coazione, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti, nonché infrazione alla Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni. Addebiti, quelli citati nei confronti dei 5 giovani, da inserire nel contesto di una vertenza che vedeva opposti uno dei 17.enni e gli altri giovani arrestati. A renderlo noto il Ministero pubblico, la Magistratura dei minorenni e la Polizia cantonale.

In base alle ricostruzioni, con responsabilità differenti, questi ultimi si sono in particolare presentati a casa del 17.enne minacciandone il padre con una pistola di tipo soft-air. Grazie agli accertamenti subito avviati da parte degli inquirenti della Polizia cantonale (con il supporto della Polizia della città di Lugano) e all'importante lavoro investigativo svolto, è stato quindi possibile individuare e fermare i membri del gruppo. La misura restrittiva della libertà nei confronti dei due maggiorenni è già stata confermata dal Giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC).

L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Roberto Ruggeri e dalla Magistratura dei minorenni. Le verifiche proseguono al fine di determinare la dinamica dei fatti e i rispettivi ruoli nonché l'ampiezza dell'attività di spaccio e vendita al dettaglio di stupefacenti. Non verranno pertanto rilasciate ulteriori informazioni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1