Circonvallazione, assegnato il mandato per il progetto

Agno-Bioggio

Il compito di allestire la progettazione definitiva del tracciato è stato affidato al Consorzio Mulini composto dallo studio d’ingegneria Pini Swiss Engineers SA e dagli studi consorziati AF Toscano SA, Lombardi SA Ing. Consulenti, studio d’ingegneria Giorgio Masotti SA e Marcionelli & Winkler + Partners SA

Circonvallazione, assegnato il mandato per il progetto
© DT

Circonvallazione, assegnato il mandato per il progetto

© DT

Circonvallazione, assegnato il mandato per il progetto

Circonvallazione, assegnato il mandato per il progetto

Il Consiglio di Stato ha proceduto all’assegnazione del mandato concernente le prestazioni per la progettazione definitiva ed esecutiva del nuovo tracciato della circonvallazione Agno-Bioggio (CAB).

Il mandato di progettazione inerente al concorso CAB è stato affidato al Consorzio Mulini composto dallo Studio d’ingegneria Pini Swiss Engineers SA, Lugano (capofila) e dagli studi consorziati AF Toscano SA, Lombardi SA Ing. Consulenti, Studio d’ingegneria Giorgio Masotti SA e Marcionelli & Winkler + Partners SA, per l’importo di CHF 13.955.821.50.- (IVA inclusa). Tale consorzio progetterà fino alla fase esecutiva di questa importante opera infrastrutturale.

Nel mese di gennaio, il Dipartimento del territorio aveva pubblicato nella forma della procedura libera la gara d’appalto concernente le prestazioni di progettazione definitiva ed esecutiva della circonvallazione stradale tra Agno e Bioggio, opera prioritaria della prima fase del nuovo piano dei trasporti del Luganese. A tale proposito, considerata l’importanza e la complessità dell’opera, in sede di concorso era stato richiesto un gruppo multidisciplinare che contemplasse tutti i settori, in particolare il genio civile, opere di sottostruttura, aspetti ambientali, inserimento architettonico e modellizzazione del traffico.

Si ricorda che il nuovo tracciato permette di preservare porzioni significative di territorio in quanto lo stesso scorre per buona parte interrato in zona riva lago ad Agno, parallelamente all’aeroporto, per ricongiungersi alla strada industriale in zona Cavezzolo a Bioggio. Oltre a tutelare la pregiata area a lago del paese, tale soluzione consentirà, inoltre, di sottrarre il traffico motorizzato al nucleo, nel quale oggi transitano giornalmente circa 27.000 veicoli.

La decisione del Consiglio di Stato «rappresenta un nuovo passo verso la realizzazione di un’opera stradale da tempo attesa dalla popolazione che contribuirà a un miglioramento della qualità di vita in tutto il comparto e a fornire risposte concrete al grave problema di traffico che affligge l’intera regione», si legge in una nota. La circonvallazione Agno-Bioggio, infatti, «contribuirà, unitamente alla Rete tram-treno del Luganese, a inaugurare una nuova era per la mobilità del comparto e per l’attrattività e la vivibilità di tutto il Malcantone».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1