Evento

Cittadini uniti per un futuro sostenibile

Sbarca anche a Lugano Impact Hub, associazione che in tutta la Svizzera riunisce un network di persone - Dagli incontri tenuti durante il Digital Day nascerà un report

Cittadini uniti per un futuro sostenibile

Cittadini uniti per un futuro sostenibile

Cittadini uniti per un futuro sostenibile
Carlotta Zarattini.

Cittadini uniti per un futuro sostenibile

Carlotta Zarattini.

Cittadini uniti per un futuro sostenibile

Cittadini uniti per un futuro sostenibile

Cittadini uniti per un futuro sostenibile

Cittadini uniti per un futuro sostenibile

«Siamo cittadini, abbiamo a cuore il futuro della nostra città e possiamo fare la differenza». Si è aperto così l’incontro organizzato da Impact Hub Switzerland con Sketchin e la Fondazione Mercator Schweiz nell’ambito della Giornata Digitale svizzera che ha avuto luogo a Lugano lo scorso 3 settembre. Incontro che ha visto una sessantina di persone conversare sulla «città del futuro». Tra loro donne e uomini, giovani e meno giovani, uniti dalla volontà di dare il proprio contributo nel rispondere a quesiti inerenti alla trasformazione digitale del contesto urbano, all’impatto dell’innovazione sul modo in cui si vive la città, alle sfide della Svizzera affinché tutti possano godere dei benefici della digitalizzazione e agli usi dell’intelligenza artificiale. Tra loro anche la municipale Cristina Zanini Barzaghi.

Cittadini uniti per un futuro sostenibile

A Lugano l’evento ha avuto luogo nella cornice simbolica di Palazzo Civico, ma la città sul Ceresio non è stata la sola ad ospitare questo grande brain storming sul futuro urbano. L’incontro ha coinvolto in contemporanea i sei Impact Hub in Svizzera (Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Zurigo e Ticino). Ma di cosa si tratta? Impact Hub è un’associazione che riunisce un network di persone e spazi di co-working che mette al centro temi quali sostenibilità e impatto presente in cinquanta Paesi del mondo per un totale di circa 17.000 persone coinvolte. In Svizzera, il più grande si trova a Zurigo con un migliaio di persone che ne fanno parte e in Ticino il primo Impact Hub sta per aprire proprio a Lugano.

Nel corso dell’evento, i partecipanti hanno conversato suddivisi in gruppi. Le discussioni sono state registrate e saranno oggetto, insieme a quanto emerso nelle altre cinque città elvetiche, di un report che verrà pubblicato nei prossimi mesi. «Siamo soddisfatti, – commenta Carlotta Zarattini di Impact Hub Ticino – come primo esperimento direi che è riuscito. Gli incontri erano registrati, ma alle persone è stato garantito l’anonimato quindi hanno potuto esprimersi liberamente». Prima dello spazio riservato ai brain storming, Luca Mascaro di Sketchin ha presentato una serie di spunti sul tema, spiegando anche il ruolo del cittadino nell’evoluzione tecnologica. «La tecnologia è anche partecipazione – ha detto – e quanto sta accadendo stasera ne è un esempio: un gruppo di cittadini che si riunisce per riflettere su come l’evoluzione digitale cambia il modo di vivere la propria città. L’importante – ha concluso – è avere gli strumenti per governare il processo di cambiamento e non farci governare dalla tecnologia».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Lugano
  • 1