Colpaccio luganese: arrivano le stelle della Guida Michelin!

Evento

La Città sul Ceresio sarà la capitale svizzera dell’enogastronomia: al LAC verrà presentata l’edizione 2020 della mitica «rossa» - Il direttore Gwendal Poullennec: «Territorio eccezionale per i prodotti locali, centro ideale per la gastronomia europea»

 Colpaccio luganese: arrivano le stelle della Guida Michelin!

Colpaccio luganese: arrivano le stelle della Guida Michelin!

Lunedì 24 febbraio Lugano sarà la capitale svizzera dell’enogastronomia, ospitando al LAC la presentazione della nuova Guida Michelin Svizzera 2020, nonché i nuovi chef che riceveranno l’ambita stella. Il «Michelin Guide Switzerland Star Revelation Gala», alla sua seconda edizione, porterà sulle rive del Ceresio oltre 500 personalità di spicco del settore a livello svizzero e internazionale, unitamente a giornalisti del settore ed esponenti delle istituzioni.

Gwendal Poullennec, direttore internazionale delle Guide Michelin, spiega così la scelta di Lugano: «Con la sua posizione a ridosso delle montagne e il suo clima mite, Lugano è un territorio eccezionale per i prodotti locali. La Città e la sua regione sono un centro ideale per la gastronomia europea, nonché un luogo privilegiato per gli chef e tutti coloro che apprezzano la cucina di qualità. L’unione fra la cultura svizzera e quella italiana fa del Ticino un importante crocevia gastronomico in cui si fondono sapori e profumi irresistibili. Apprezzata meta turistica, la regione ha molto da offrire ai buongustai, tra i meravigliosi salumi e le diverse specie di pesci che abitano i suoi fiumi e laghi. Motivi che fanno di Lugano la sede ideale per la presentazione della Guida Michelin Svizzera 2020».

Per il sindaco Marco Borradori: «Accogliere in città la presentazione della Guida Michelin Svizzera 2020 conferma la capacità del nostro territorio non solo di preservare le tradizioni gastronomiche locali e quindi le nostre radici culturali e la nostra identità, ma anche di metterle a frutto in un’ottica di sviluppo, creatività e innovazione. La gastronomia è piacere, gusto e convivialità, ma può e deve essere anche sempre più una delle componenti dello sviluppo urbano, economico e sociale».

Soddisfazione espressa anche da Roberto Badaracco, capo dicastero cultura sport ed eventi: «Da anni la Città di Lugano, la nostra regione e tutti i professionisti che vi operano, svolgono un intenso lavoro di promozione dell’enogastronomia di qualità. Prodotti, peculiarità e maestrie locali hanno saputo guadagnarsi un posto di rilievo nel settore, a livello nazionale e non solo. Essere scelti dalla Guida Michelin rappresenta il coronamento di questo grande lavoro. Un riconoscimento e un’opportunità per la Città e per la gastronomia della Svizzera italiana, abbraccio ideale tra la tradizione elvetica e quella mediterranea. Una tappa significativa di un percorso che si prospetta ancora lungo e rigoglioso». Anche Alessandro Stella, direttore di Lugano Region, ha accolto la notizia con grande entusiasmo: «Siamo molto onorati che Michelin abbia scelto Lugano come città che ospiterà il secondo “Michelin Guide Switzerland Star Revelation” nel 2020. La regione del Luganese con il suo territorio e la sua tradizione è la culla ideale per la produzione di prodotti tipici e di vini d’eccezione e per la preparazione dei piatti che vengono sapientemente creati dagli Chef dei ristoranti locali, dai più tradizionali “grotti” ai ristoranti rinomati a livello internazionale. Con questo evento Lugano e il Ticino avranno l’opportunità di far conoscere le proprie eccellenze enogastronomiche, di avere una grande visibilità sia a livello nazionale che internazionale e di posizionarsi tra le principali destinazioni per gli appassionati della buona cucina e degli ottimi vini».

Lo scorso anno 128 ristoranti elvetici sono stati premiati con 1, 2 o 3 stelle nella Guida Michelin Svizzera. Il Cheval Blanc di Basilea, il Restaurant de l’Hôtel de Ville di Crissier e lo Schloss Schauenstein di Fürstenau sono quelli che si sono potuti fregiare delle celebri 3 stelle. Sono invece sette i ristoranti di Lugano a figurare nella guida 2019, fra cui un ristorante stellato, la Galleria Arté al Lago (1 stella).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Da oggi ogni giorno è buono per lo sgombero dell’ex Macello

    Lugano

    A meno che gli autogestiti decidano a breve di sedersi a un tavolo per discutere una sede alternativa, la Città ora può legalmente liberare forzatamente gli spazi - Borradori: «Se ne occuperà la Polizia, nemmeno noi sapremo quando accadrà fino a pochi minuti prima dell’inizio dell’operazione»

  • 2

    Croce Verde cerca casa: rispunta l’ipotesi Breganzona

    Lugano

    L’ente riprova a portare avanti il progetto di una nuova sede sul Pian Povrò, che in passato era stato contestato - L’alternativa rimane quella di costruire dietro la «base» attuale a Pregassona, ma le tempistiche paiono più sfavorevoli

  • 3

    Da Trapani a Lugano in bicicletta

    La storia

    Giuseppe Bica ha concluso il suo lungo viaggio: tremila chilometri per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mobilità sostenibile e per aiutare Medici Senza Frontiere

  • 4

    Presunto stupro, toni accesi in aula

    processo

    Nel secondo giorno di dibattimento le parti hanno cercato di screditare la credibilità dei loro avversari - La donna afferma di essere stata violentata, l’uomo parla di rapporto consenziente - Sentenza settimana prossima

  • 5

    «Con quel sondaggio la Città non c’entra nulla»

    Polo Sportivo

    L’MPS accusa il Municipio di fare campagna in vista sul referendum con una ricerca d’opinioni pilotata e con soldi pubblici - Lugano però smentisce: «Non l’abbiamo commissionato noi e di certo non è finanziato con soldi pubblici» - Il Movimento: «Rischi seri per la libera espressione democratica»

  • 1
  • 1