Con i negozi chiusi Lugano è una città fantasma

Scatta il semiconfinamento

Ecco la situazione questa mattina in centro: serrande abbassate, cartelli all’ingresso con numeri di telefono e messaggi beneauguranti - IL VIDEO

Con i negozi chiusi Lugano è una città fantasma
Inizia la prima giornata di sei settimane di chiusure di negozi e commerci in tutta la Svizzera

Con i negozi chiusi Lugano è una città fantasma

Inizia la prima giornata di sei settimane di chiusure di negozi e commerci in tutta la Svizzera

Oggi, lunedì 18 gennaio, è il primo giorno di chiusura dei negozi. Siamo andati in centro a Lugano per vedere com’è la situazione: serrande abbassate, cartelli all’ingresso con numeri di telefono e messaggi beneauguranti. È così che inizia la prima giornata di sei settimane (da quando sono state annunciate dal Consiglio federale) di chiusure di negozi e commerci in tutta la Svizzera. Mentre da Berna arriva la consueta rassicurazione sugli «aiuti», che non mancheranno: miliardi per far fronte a questa (seconda) situazione eccezionale.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    «Pronto a riprendere in mano la matita per unire le tre piazze»

    Quai

    Lugano per riqualificare il lungolago davanti a Palazzo Civico vuole affinare un progetto dello studio dell’architetto Mauro Buletti che risale a inizio anni Duemila e che era stato rispolverato anche nel 2013: «La volontà di vederlo diventare realtà è forte: spero che sarà l’approfondimento definitivo»

  • 2
  • 3

    La truffa per i quadri della moglie

    Processo

    Dieci mesi sospesi a un anziano che, senza dirglielo, molto denaro di un’amica in una società d’arte piemontese che fallì poco dopo e che comprò le pitture della compagna dell’imputato

  • 4

    La truffa dei garage e quei «leasing facili»

    Giustizia

    Buste paga «gonfiate» e falsificate, spese d’affitto notevolmente diminuite: era questo il sotterfugio usato per poter finanziare l’acquisto di un’auto – Il venditore: « Facevano cose disoneste e ci sono finito dentro anche io»

  • 5

    Per i giovani qualcosa si muove

    spazi che mancano

    Lugano sta cercando locali da mettere a disposizioni dei ragazzi che vogliono organizzare eventi musicali o altro, ma chi vuole trasgredire non andrà a prendere le chiavi a Palazzo civico - Un tema spinoso per la Città, ancor più dopo i fatti del parco Saroli

  • 1
  • 1