Condannati per la maxi truffa COVID

Sentenza

Quattro anni all’imprenditore e tre anni e quattro mesi al dentista che hanno ottenuto impropriamente a vario titolo 1,5 milioni di prestiti dalla Confederazione - Il giudice: «Ne hanno approfittato nel modo più esecrabile possibile» - Entrambi saranno espulsi

 Condannati per la maxi truffa COVID
©SHUTTERSTOCK

Condannati per la maxi truffa COVID

©SHUTTERSTOCK

La Corte delle assise criminali, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, ha condannato a quattro anni di carcere un imprenditore italiano sessantenne a tre anni e quattro mesi un dentista suo compatriota. Entrambi saranno espulsi per otto e cinque anni dalla Svizzera. I due sono stati ritenuti colpevoli, a vario titolo, di aver messo in atto la più grande truffa sui prestiti COVID riscontrata in Ticino, ottenendo impropriamente 1,5 milioni di franchi.

«Hanno agito per puro fine di lucro per migliorare la loro situazione economica, che nel caso del dentista era già agiata - ha motivato succintamente Pagnamenta. - Traspare un egoismo inqualificabile. Hanno approfittato nel modo più esecrabile possibile dei fondi messi a disposizione dalla Confederazione con un comportamento suscettibili di minare la fiducia tra Stato e cittadino. Hanno approfittato di un ammortizzatore sociale che serviva ad aiutare chi si trovava in difficoltà». L’espulsione, con una condanna simile, è automatica, ma la Corte ha tenuto a precisare che l’avrebbe pronunciata anche se fosse stata facoltativa: «Comportamenti del genere non possono essere accettati». Il procuratore pubblico Daniele Galliano aveva chiesto la condanna a 5 e 4 anni, mentre l’avvocato Michele Rusca, legale d’ufficio dell’imprenditore, ne chiedeva una contenuta in trenta mesi e l’avvocato Costantino Castelli, che assisteva il dentista, il totale proscioglimento.

Come riferito ieri, a essere in dubbio non era tanto che gli importi fossero stati ricevuti dai due, quanto sulle rispettive responsabilità, con i due imputati che in aula avevano scaricato parte di colpa l’uno sull’altro. La Corte ha in sostanza accolto la ricostruzione del procuratore Galliano: «L’imprenditore ha avuto un ruolo maggiormente profilato nella vicenda: è stato il primo a scommettere sulla truffa e ha segnato la via per le truffe successive - ha detto Pagnamenta. - Il dentista è stato inizialmente coinvolto da lui», e si è poi fatto parte attiva a sua volta nelle tre truffe successive. Le reciproche chiamate in correità sono state ritenute veritiere.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1

    «Pensavamo che fosse disperso»

    la testimonianzia

    I pompieri di Lugano hanno cercato per due ore un automobilista trascinato via con la sua auto dalla furia dell’acqua: «Per fortuna si è messo in salvo»

  • 2

    «Ha macchiato indelebilmente la vita di quel bambino»

    Lugano

    Alla sbarra l’uomo che, tra le mura dell’ex Macello nel corso del 2018, ha commesso abusi sessuali nei confronti di due fanciulli – Condannato dalla Corte a 30 mesi di carcere, dovrà sottoporsi a un trattamento stazionario affinché «venga annientato quell’impulso»

  • 3
  • 4

    Frana a Gudo, gli sfollati non possono rientrare

    Maltempo

    Dovranno rimanere lontano per qualche giorno dalle loro abitazioni le nove persone allontanate nella notte a causa dello scoscendimento in zona Sasso Grande - Lavori di messa in sicurezza sospesi a causa della ripresa della pioggia

  • 5
  • 1
  • 1