Confiscata una ditta edile

Nuove sospette infiltrazioni criminali nel settore delle costruzioni in Ticino

Confiscata una ditta edile
(foto Maffi)

Confiscata una ditta edile

(foto Maffi)

LUGANO -  La mossa giuridica effettuata recentemente dalla Procura federale potrebbe configurare una prima a livello nazionale e indica al tempo stesso un nuovo preoccupante segnale di ramificazioni del crimine organizzato in Ticino. La novità giunge mentre in Italia sta approdando in aula penale la maxi inchiesta denominata "Infinito", coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano e riguardate appunto le infiltrazioni della 'ndrangheta nell'imprenditoria brianzola. Ebbene, nell'ambito di una serie di accertamenti paralleli da parte degli inquirenti dell'antenna luganese del Ministero pubblico della Confederazione (guidati dal procuratore capo Pierluigi Pasi) è stata avviata una procedura di confisca che vede al centro una ditta ticinese attiva nel ramo dell'edilizia. L'azione segue le perquisizioni che lo scorso novembre avevano già impegnato a Lugano la polizia giudiziaria federale.

A confermare la circostanza al Corriere del Ticino sono gli stessi inquirenti federali: "Si ricorda che le perquisizioni e gli interrogatori erano stati ordinati e svolti nel quadro di un'indagine che il Ministero pubblico della Confederazione conduce autonomamente per titolo di organizzazione criminale (articolo 260ter del Codice Penale). Si conferma anche che le persone coinvolte nelle indagini federali sono sospettate di appartenere ad un'organizzazione criminale di stampo 'ndranghetistico con base nell'Italia del nord; le stesse persone sono infatti pure coinvolte nell'indagine condotta dalle autorità giudiziarie antimafia italiane di Milano". "Le perquisizioni – sottolinea la Procura federale – erano state condotte in società ticinesi, attive nel ramo edilizio e in ambito fiduciario. Con riferimento ad una società attiva proprio nel ramo edilizio con sede nel cantone, è nel frattempo già in corso una procedura di confisca autonoma basata sul fatto che i beni interessati (una quota parte dell'azionariato) sono risultati appartenere ad una fra le persone coinvolte nell'indagine italiana, quindi sospettata di appartenere ad un'organizzazione criminale di stampo mafioso di tipo 'ndranghetistico".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
    Enclave

    Cure sanitarie solo in Italia, da Campione parte un ricorso

    L’obiettivo è arrivare ad annullare la delibera della Regione Lombardia e permettere dunque ai cittadini di poter far capo all’assistenza ticinese - L’avvocata Marchesini: « la decisione non è sostenibile ed è illegittima»

  • 2
    Traffico ferroviario

    Risolto il guasto tecnico che ha provocato disagi a Lugano

    Ritardi e cancellazioni dei treni sono stati causati da un problema all’impianto ferroviario, i convogli non circolavano verso nord e viceversa – Il guasto è stato risolto in serata e i treni hanno ripreso a circolare normalmente

  • 3
    moda

    Rhuigi Villaseñor nuovo direttore creativo di Bally

    Di nazionalità filippina e americana è stato riconosciuto come uno dei talenti della moda più promettenti di oggi – La sua prima collezione per il marchio di lusso svizzero debutterà per la stagione primavera/estate 2023

  • 4
    eventi

    La fiera di San Provino salta ancora

    Il Municipio di Agno ha deciso di annullare per il terzo anno consecutivo la tradizionale manifestazione che si tiene di solito a marzo: «L’applicazione delle attuali disposizioni non avrebbe permesso di vivere la spensieratezza, l’allegria e la spontaneità tipiche dell’evento»

  • 5
    Lugano

    Negozi aperti la domenica, per ora ci provano in pochi

    I commerci operativi si contano sulle dita di una mano – Nacaroglu: «Ci vorrà del tempo per creare l’abitudine, e poi gennaio non è il mese migliore per fare bilanci» – Foletti: «Almeno adesso c’è libertà imprenditoriale»

  • 1