Cornaredo: niente torri nell’offerta

lugano

Il gruppo di investitori capitanato da Silvio Tarchini non vede la necessità di costruirle, almeno per ora - Nei prossimi giorni il Municipio discuterà le proposte ricevute dalle cordate intenzionate a realizzare il polo

Cornaredo: niente torri nell’offerta
Un’immagine di come potrebbe apparire il polo sportivo e degli eventi. Ma non è detto che le due torri si faranno.  © rendering città di lugano

Cornaredo: niente torri nell’offerta

Un’immagine di come potrebbe apparire il polo sportivo e degli eventi. Ma non è detto che le due torri si faranno.  © rendering città di lugano

Silvio Tarchini era già stato chiaro un anno fa, il 13 giugno 2019, quando proprio su queste pagine aveva confermato di aver già detto al Municipio di Lugano di non essere interessato alla realizzazione delle torri di Cornaredo. L’imprenditore ticinese - timoniere del «Consorzio Pallone», gruppo di investitori interessato alla realizzazione del Polo sportivo di Cornaredo - non ce lo ha potuto confermare (la procedura è ancora aperta) ma, stando a nostre in formazioni, nell’offerta presentata settimana scorsa all’Esecutivo la realizzazione delle due torri non sarebbe prevista. L’opera sarebbe infatti stata giudicata non prioritaria rispetto allo stadio e al palazzetto dello sport e, a quanto pare, perfino non necessariamente redditizia dal punto di vista degli investitori privati. Non abbiamo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    Lugano, sì al consuntivo che è fieno in cascina

    Consiglio comunale

    Il bilancio si è chiuso con un avanzo di 6,7 milioni di franchi - Il buon risultato è stato dedicato a Maurizio Grassi, funzionario della Città da poco scomparso - Polemica sulle naturalizzazioni e la privacy, con il gruppo leghista che ha lasciato la sala

  • 3

    «Andrò in Capo (Nord) al mondo per 9.000 chilometri»

    IL VIAGGIO DA GUINNESS

    Zaino sulle spalle, scarpette da ginnastica, due bastoncini da trekking e tanto coraggio, sono il solo bagaglio del 22.enne ceco Ivan Mitrus, ora di passaggio a Lugano, ma il cui scopo è raggiungere a piedi, dal Sud della Sicilia, l'estrema punta della Norvegia

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1