Campo da calcio

Cornaredo, quanto mi costi! Chiesti 575.000 franchi per il campo

Licenziato il messaggio municipale con la richiesta di credito urgente - Il rifacimento è stato imposto dalla Swiss Football League

Cornaredo, quanto mi costi! Chiesti 575.000 franchi per il campo
(Maffi)

Cornaredo, quanto mi costi! Chiesti 575.000 franchi per il campo

(Maffi)

Cornaredo, quanto mi costi! Chiesti 575.000 franchi per il campo

Cornaredo, quanto mi costi! Chiesti 575.000 franchi per il campo

LUGANO - Il campo di calcio di Cornaredo va rifatto o la prossima stagione i tifosi del FC Lugano potranno scordarsi le partite casalinghe. Che il Municipio stesse allestendo un messaggio urgente da sottoporre il 25 marzo al Consiglio comunale lo avevamo anticipato a inizio febbraio, quando la Swiss Football League aveva comunicato che così com’è il manto erboso del campo (a preoccupare è in particolare il drenaggio) non può più andar bene.

Cornaredo, quanto mi costi! Chiesti 575.000 franchi per il campo

Oggi l’Esecutivo cittadino ha licenziato all’attenzione del Legislativo il messaggio con la richiesta di un credito di investimento urgente di 575.000 franchi, destinati al rifacimento totale del campo principale e all'adeguamento dei mezzi tecnici di manutenzione. La decisione municipale deriva dalla necessità di intervenire entro la fine di luglio (quando prenderà il via la stagione di Super League 2019/2020) per sanare la situazione di degrado del campo principale, segnalata dall’Associazione Svizzera Football (ASF) al FC Lugano quale misura necessaria per l’ottenimento della licenza.

Per il rifacimento del campo verranno spesi 450.000 franchi ma, accanto agli interventi per la sostituzione del manto erboso e delle sottostrutture, è necessario pure adeguare il parco veicoli tecnico per la manutenzione dei campi, sostituendo due veicoli acquistati nel 2002 e 2003 e giunti al termine del loro ciclo di vita. L’investimento previsto è di 125.000 franchi e i veicoli saranno in futuro usati su tutti i campi di calcio del Polo sportivo e sul campo in erba del centro al Maglio.

Presentando oggi il messaggio, il capodicastero Roberto Badaracco ha spiegato che i tempi sono molto stretti. I lavori dovrebbero prendere il via a inizio giugno, dopo la fine del campionato in corso, e avranno una durata di circa un mese. Per questo le prime partite del prossimo campionato sono già state programmate fuori casa. A nulla è valso il tentativo della Città di procrastinare evitando così un investimento ingente in previsione del nuovo Polo sportivo. «La Swiss Football League - ha detto Badaracco - è stata severa e tassativa».

«Si tratta di un investimento di cui avremmo fatto volentieri a meno - ha spiegato dal canto suo il sindaco Marco Borradori - ma in fondo è anche un segnale di attaccamento e vicinanza al club bianconero».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Lugano
  • 1