CR7 era stato a Paradiso

Lugano

Svelati i dettagli della prima presenza di Cristiano Ronaldo sulle rive del Ceresio

CR7 era stato a Paradiso
© EPA/Manuel de Almeida

CR7 era stato a Paradiso

© EPA/Manuel de Almeida

Lo scorso mese di aprile, Lugano ha accolto il famoso calciatore portoghese Cristiano Ronaldo, attualmente impegnato con la sua nazionale a Euro 2020. L’attaccante della Juventus, spiega Ticino Film Commission in un comunicato, è stato protagonista dello spot pubblicitario della società Therabody, «Ronaldo x Therabody», girato a Paradiso, in una casa con vista sul lago, e svelato lo scorso 2 giugno.

Una visita, questa, passata completamente inosservata a differenza della seconda, avvenuta a maggio, quando molti fan si sono riversati al Padiglione Conza non appena era circolata l’indiscrezione che l’ex Real Madrid fosse a Lugano per girare uno spot. Tutto vero: Ronaldo, al Conza, ha girato uno spot per una piattaforma di commercio online.

Lo spot girato a Paradiso

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Zanini contro l’MPS, ma il reato non c’è

    EX MACELLO

    Il movimento guidato da Pino Sergi aveva scritto che la municipale era sul posto, la notte dei fatti, per «indicare quali immobili demolire» - La politica socialista, che ha sempre negato, ha reagito con una denuncia per diffamazione - La Procura ha emesso un non luogo a procedere

  • 2
  • 3

    ‘Ndrangheta in Svizzera: un arresto a Grancia e uno a Spreitenbach

    MAFIA

    L’operazione «Imponimento» contro la cosca Anello-Fruci prosegue – L’uomo finito in manette in Ticino è indagato per associazione mafiosa e trasferimento fraudolento di valori – «È risultato tra i soggetti di riferimento dell’organizzazione in terra elvetica»

  • 4
  • 5

    Trieste, Ticino e la Cina: truffa da 300 milioni

    Indagine

    Gli inquirenti italiani hanno disarticolato una maxifrode al fisco che sarebbe stata architettata da tre persone residenti nella Svizzera italiana - Commerciavano materie prime in nero e tramite documenti falsi riuscivano anche a far rientrare a Pechino ingenti capitali asiatici

  • 1
  • 1