Decreto di abbandono per il sacerdote luganese

Caso Chiappini

Gli indizi dei reati ipotizzati di sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per omissione a danno di una 48.enne non sono stati corroborati – La Diocesi: «Il Presbitero ha ritenuto di dover rinunciare a tutti gli incarichi finora ricoperti, compreso l’insegnamento presso la Facoltà di Teologia a Lugano»

Decreto di abbandono per il sacerdote luganese
© CdT/Chiara Zocchetti

Decreto di abbandono per il sacerdote luganese

© CdT/Chiara Zocchetti

Il Ministero pubblico, in relazione al procedimento penale a carico di un 80.enne sacerdote svizzero residente nel Luganese, monsignor Azzolino Chiappini, comunica che la Procuratrice pubblica Pamela Pedretti al termine dell’inchiesta ha emanato un decreto di abbandono non essendosi corroborati gli indizi dei reati ipotizzati di sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per omissione a danno di una 48enne cittadina straniera dimorante nell’abitazione dell’imputato. Il sacerdote, spontaneamente, ha rinunciato a postulare un indennizzo allo Stato a seguito del procedimento penale. Non verranno rilasciate ulteriori informazioni.

La risposta della Diocesi

Attraverso un comunicato, l’Ordinario diocesano «prende atto della conclusione dell’inchiesta che ha portato all’emanazione di un decreto di abbandono per la vicenda che ha visto coinvolto Mons. Azzolino Chiappini» si legge nella nota diffusa. «La Diocesi ha seguito con costante attenzione l’indagine e accoglie ora con favore il fatto che la Magistratura abbia confermato l’assenza di qualsiasi condotta di rilevanza penale». E ancora: «Al di là della decisione a cui è pervenuta l’autorità giudiziaria, a seguito del grande clamore mediatico suscitato attorno alla sua persona, il Presbitero ha ritenuto di dover rinunciare a tutti gli incarichi finora ricoperti in Diocesi, compreso l’insegnamento presso la Facoltà di Teologia di Lugano».

L’avvocato stigmatizza «taluni organi di stampa»

«Con l’emanazione del decreto di abbandono odierno la Magistratura ha accertato la totale estraneità di Mons. Azzolino Chiappini dai reati ipotizzati» afferma, dal canto suo, l’avvocato di Monsignor Chiappini, Elio Brunetti. «Circostanza che mi era parsa evidente sin dal momento in cui ho assunto il mandato di difesa. Ciò detto non posso esimermi dallo stigmatizzare come taluni organi di stampa si siano affrettati a rendere pubblico, infangandolo, il nome del mio assistito e ciò prima ancora della decisione del Giudice dei provvedimenti coercitivi di non confermare l’arresto non ritenendone dati i presupposti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    La ciclopista Paradiso-Melide è sempre più vicina

    Progetto di massima

    Il perno dell’«autostrada ciclabile» che collegherà il Luganese al Mendrisotto potrebbe essere messo in cantiere entro il 2025, per un investimento stimato fra i 30 e i 40 milioni di franchi

  • 2
  • 3

    Quanto è lontana Lugano dall’indipendenza energetica?

    Ambiente ed economia

    Per molti il passaggio dai combustibili fossili al fotovoltaico indica l’alba di una nuova rivoluzione industriale - Ma la nostra regione è al passo coi tempi? È pronta alla sfida? In meno di 10 anni la produzione è passata da 2 a 34 gigawattora

  • 4
  • 5

    Il Molino fa ricorso a modo suo

    LUGANO

    Il centro autogestito fa sapere che non adirà le vie legali contro lo sgombero deciso dalla Città - Comunque promette battaglia e rifiuta qualsiasi possibilità di confronto con il Municipio attuale - «Sarebbe impraticabile e imbarazzante»

  • 1
  • 1