LUGANO

Disoccupati e persone in assistenza esonerati dalla tassa per i certificati

La revisione dell’ordinanza ha lo scopo di facilitare la ricerca di un nuovo posto di lavoro a chi vive in una situazione di precarietà finanziaria

Disoccupati e persone in assistenza esonerati dalla tassa per i certificati
(Foto Zocchetti)

Disoccupati e persone in assistenza esonerati dalla tassa per i certificati

(Foto Zocchetti)

lugano - Il Municipio di Lugano ha deciso di esonerare i cittadini in disoccupazione e a beneficio di prestazioni assistenziali dal pagamento delle tasse di cancelleria per il rilascio dei certificati di buona condotta e di domicilio. La revisione dell’Ordinanza municipale ha lo scopo di facilitare la ricerca di un nuovo posto di lavoro a chi vive in una situazione di precarietà finanziaria.

Tra i cittadini che richiedono certificati di domicilio e di buona condotta vi sono sovente iscritti alla disoccupazione o persone a beneficio di prestazioni assistenziali che necessitano degli attestati per inoltrare delle candidature di lavoro. Attualmente il contributo richiesto per l’ottenimento di entrambi i documenti è di 25 franchi.

Con la revisione dell’Ordinanza sul prelievo della tassa di cancelleria, approvata oggi dall’Esecutivo, la Città di Lugano «vuole sostenere e agevolare la ricerca di impiego dei cittadini che vivono in una situazione finanziariamente precaria». Gli interessati potranno ora ottenere i certificati summenzionati gratuitamente, presentandosi agli sportelli con un documento d’identità e con il documento d’iscrizione all’Ufficio regionale di collocamento. Allo stesso modo i cittadini che beneficiano dell’assistenza sociale dovranno presentare allo sportello un documento d’identità e l’ultima decisione rilasciata dal Cantone. La gratuità dei due certificati è accordata soltanto ai cittadini che si rivolgeranno allo sportello fisico.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
    Banda della cocaina

    «Non sapevamo che fossero i capi»

    Nel 2016 fermati, ma poi rilasciati, due pezzi grossi del ramo locale di una grande organizzazione che spaccia cocaina - A processo tre delle persone coinvolte nella maxi inchiesta ticinese – L’accusa chiede pene fra i tre e gli otto anni

  • 3
  • 4
  • 5
    Banda della coca

    Altri tre in aula, ma i capi sono uccel di bosco

    Approda nuovamente in tribunale la maxi inchiesta sullo spaccio di cocaina nel Luganese e nel Mendrisiotto, ma i presunti vertici del sodalizio sono ancora liberi (anche se uno era stato arrestato)

  • 1