Dopo Pregassona, Lugano guarda a Viganello

Sanità e terza età

SCuDo ristrutturerà e si insedierà a villa Rava e, a due passi, la casa per anziani la Meridiana sarà ampliata e dotata di spazi condivisi - Incerto il futuro del Castagneto: in primavera entreranno gli ospiti del Centro l’Orizzonte

Dopo Pregassona, Lugano guarda a Viganello
Villa Rava e la casa per anziani La Meridiana sono a due passi l’una dall’altra. ©CDT/CHIARA ZOCCHETTI

Dopo Pregassona, Lugano guarda a Viganello

Villa Rava e la casa per anziani La Meridiana sono a due passi l’una dall’altra. ©CDT/CHIARA ZOCCHETTI

Sono passate solo poche settimane dall’inaugurazione del centro «Polis» di Pregassona (casa per anziani da 114 posti, centro diurno, asilo nido), ma i lavori in ambito di servizi sanitari rivolti in particolare alla terza età a Lugano sono tutt’altro che finiti. E, se per Polis sono stati creati nuovi spazi, per il resto si tratta soprattutto di ottimizzare l’esistente, e di mettere dove possibile in sinergia. Protagonista di questa operazione - a cui la Città e Lugano Istituti Sociali (LIS) stanno lavorando ormai da qualche tempo - è il terreno di Viganello che ospita la casa per anziani La Meridiana e villa Rava, bene protetto a livello locale. La prima verrà ampliata, mentre nella seconda entrerà - previo restauro conservativo - SCuDo, Il Servizio Cure a Domicilio del Luganese.

Lavori per...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    «Ho pagato un prezzo altissimo»

    LUGANO

    Le parole dell’ex presidente dell’UDC Paolo Clemente Wicht dopo il proscioglimento dalle accuse di truffa e appropriazione indebita e la condanna per amministrazione infedele, omissione della contabilità e falsità in documenti

  • 2
  • 3

    Niente licenza: «Al momento le palazzine non si fanno»

    Melano

    Non c’è il benestare per il progetto che prevedeva la realizzazione di cinque edifici per un totale di circa cento appartamenti – Avviata una verifica del dimensionamento delle zone edificabili – Il sindaco Maffei: «Siamo oltre i parametri»

  • 4
  • 5

    «La polizia voleva intervenire sullo stabile»

    Ex Macello

    Già l’11 marzo il Municipio decise lo sgombero, ma poi cambiò idea e optò per la disdetta - Comunale e cantonale erano consapevoli che il problema principale sarebbe stato il controllo dell’area dopo la demolizione e avevano ventilato l’ipotesi di intervenire sulla struttura

  • 1
  • 1