Dove investirà Lugano nel 2022

Panoramica

Per la prima volta dal 2014 il Municipio intende spendere 60 milioni netti, una cifra più volte auspicata dalla politica perché ritenuta in grado di dare impulsi positivi al territorio - Fra le opere da finanziare l’inizio dei lavori per la nuova sede della Divisione spazi urbani e per il Parco dello sport al Maglio

Dove investirà Lugano nel 2022
Ginger e Fred: il nome del progetto vincitore per la nuova sede della DSU. ©Epure Architecture et Urbanisme SA

Dove investirà Lugano nel 2022

Ginger e Fred: il nome del progetto vincitore per la nuova sede della DSU. ©Epure Architecture et Urbanisme SA

È dal 2014 che a Lugano non si arriva alla cifra di 60 milioni di investimenti netti annui, soglia auspicata e più volte indicata dalla politica in quanto ritenuta in grado di portare un influsso positivo sul territorio, in particolare per le ricadute sull’economia. A mo’ di esempio nel 2020, ultimo dato disponibile, si sono investiti 49,5 milioni. Ma le cose sembrano destinate a cambiare perché, scrive il Municipio, «il cumularsi nei prossimi anni di progetti importanti porterà a raggiungere regolarmente questa cifra». Lo si legge nel Preventivo 2022, che stima investimenti netti per 60,8 milioni di franchi nell’anno che incombe. Vediamo per cosa.

Il caso PSE

Prima, una premessa: quando si legge «progetti importanti» e «prossimi anni» a Lugano di questi tempi non si può non pensare al Polo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Negozi aperti la domenica, per ora ci provano in pochi

    Lugano

    I commerci operativi si contano sulle dita di una mano – Nacaroglu: «Ci vorrà del tempo per creare l’abitudine, e poi gennaio non è il mese migliore per fare bilanci» – Foletti: «Almeno adesso c’è libertà imprenditoriale»

  • 2

    Progetto più «light» all’ex Bellerive

    LUGANO

    Avanza il piano edilizio sul terreno fra Riva Caccia, via Fontana e via Mazzini: cominciati i lavori di demolizione – Il futuro complesso sarà residenziale, ma senza spazi commerciali – Niente da fare per il vecchio hotel – FOTO

  • 3

    «Volevo capire se Lugano mi voleva ancora bene»

    L’intervista

    Il neopresidente sezionale PPD Paolo Beltraminelli dice la sua sul partito e sulla politica luganese: «Troppe le incognite legate alla pandemia: non è il momento di mettere mano alla fiscalità»

  • 4

    Le complicate seconde vite dei centri ricreativi bancari

    Luganese

    Simboli dell’importanza della piazza finanziaria cittadina, le strutture di Cadro, Gentilino e Sorengo hanno iniziato a scricchiolare a inizio millennio e riqualificarle in due casi su tre si sta rivelando un’operazione complessa, con diversi colpi di scena

  • 5
  • 1
  • 1