Droga, due donne in manette a Melano

inchiesta

Le due giovani sono sospettate di aver preso parte a un importante traffico di cocaina - Dovranno rispondere delle accuse di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti, ripetuta entrata a illegale e attività lucrativa senza autorizzazione

Droga, due donne in manette a Melano
©CdT/Chiara Zocchetti

Droga, due donne in manette a Melano

©CdT/Chiara Zocchetti

Due donne sono finite in manette per una questione di droga nella regione del basso Ceresio. Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che mercoledì 28 aprile, nell'ambito di un'inchiesta svolta in collaborazione con i Servizi Antidroga della Polizia comunale di Chiasso, della Polizia Città di Mendrisio e della Polizia Città di Lugano, sono state arrestate due donne. Si tratta di due cittadine albanesi, una 22enne residente in Albania e una 20enne residente in provincia di Brescia. Il fermo della 22enne, che si trovava su una vettura con targhe ticinesi, è avvenuto a Melano sul parcheggio comunale. Nel corso della successiva perquisizione negli spazi a lei in uso, effettuata sempre a Melano, si è svolto anche il fermo della 20enne e sono stati rinvenuti oltre 100 grammi di cocaina e alcune migliaia di franchi. Le due sono sospettate di aver preso parte a un importante traffico legato alla compravendita di cocaina. Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti nonché di ripetuta entrata a illegale e attività lucrativa senza autorizzazione. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Da oggi ogni giorno è buono per lo sgombero dell’ex Macello

    Lugano

    A meno che gli autogestiti decidano a breve di sedersi a un tavolo per discutere una sede alternativa, la Città ora può legalmente liberare forzatamente gli spazi - Borradori: «Se ne occuperà la Polizia, nemmeno noi sapremo quando accadrà fino a pochi minuti prima dell’inizio dell’operazione»

  • 2

    Croce Verde cerca casa: rispunta l’ipotesi Breganzona

    Lugano

    L’ente riprova a portare avanti il progetto di una nuova sede sul Pian Povrò, che in passato era stato contestato - L’alternativa rimane quella di costruire dietro la «base» attuale a Pregassona, ma le tempistiche paiono più sfavorevoli

  • 3

    Da Trapani a Lugano in bicicletta

    La storia

    Giuseppe Bica ha concluso il suo lungo viaggio: tremila chilometri per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mobilità sostenibile e per aiutare Medici Senza Frontiere

  • 4

    Presunto stupro, toni accesi in aula

    processo

    Nel secondo giorno di dibattimento le parti hanno cercato di screditare la credibilità dei loro avversari - La donna afferma di essere stata violentata, l’uomo parla di rapporto consenziente - Sentenza settimana prossima

  • 5

    «Con quel sondaggio la Città non c’entra nulla»

    Polo Sportivo

    L’MPS accusa il Municipio di fare campagna in vista sul referendum con una ricerca d’opinioni pilotata e con soldi pubblici - Lugano però smentisce: «Non l’abbiamo commissionato noi e di certo non è finanziato con soldi pubblici» - Il Movimento: «Rischi seri per la libera espressione democratica»

  • 1
  • 1