E se a Lugano tornasse il sacco nero?

Proposta

Lo suggeriscono tre consiglieri comunali PLR in un’interrogazione, assieme ad altre due misure puntuali per aiutare la popolazione

 E se a Lugano tornasse il sacco nero?
©CDT/CHIARA ZOCCHETTI

E se a Lugano tornasse il sacco nero?

©CDT/CHIARA ZOCCHETTI

E se a Lugano si tornasse, temporaneamente al sacco nero? La proposta è stata avanzata tramite interrogazione al Municipio da tre consiglieri comunali PLR, Morena Ferrari Gamba (prima firmataria), Luca Cattaneo e Rupen Nacaroglu. A mente degli interroganti il ritorno del sacco nero, o la sospensione della tassa sul sacco, è una misura a sostegno della popolazione in questi tempi d’emergenza Coronavirus perché «gli ecocentri comunali sono chiusi e alcuni nuclei familiari non potranno più differenziare i rifiuti, con un incremento notevole di costi direttamente sui cittadini loro malgrado».

Non si tratta dell’unica misura proposta dai tre, i quali in un’interrogazione precedente già chiedevano la creazione di un fondo d’emergenza (di cui ora chiedono se è stato creato). Viene infatti chiesto di valutare all’Esecutivo anche se non valga la pena emettere dei nuovi acconti per le imposte comunali, rivedendoli al ribasso. Questo in quanto, «essendo calcolati sul reddito degli anni precedenti, rischiano di essere molto di più di quanto in realtà sarà il reddito effettivo delle aziende/commerci/cittadini».

Infine, l’interrogazione si occupa anche degli affitti degli spazi commerciali: «Il Municipio può proporre ai proprietari degli immobili, in particolare degli spazi commerciali, di sospendere la richiesta dell’affitto per il periodo di chiusura per coronavirus, introducendo quale incentivo uno sconto fiscale?».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Lido, quattro milioni per ripensare l’energia

    Teleriscaldamento

    A Lugano i lavori sul prato di fronte alla piscina coperta avranno inizio nel mese di settembre e dovrebbero protrarsi per circa un anno – Se tutto va secondo i piani l’entrata in funzione potrebbe avvenire nell’autunno 2021 – L’idea risale ad alcuni anni fa

  • 2
  • 3

    Controlli più serrati alla foce del Cassarate

    Lugano

    Dopo che la foto degli assembramenti di giovedì ha fatto il giro del web, questa giornata di sabato sembra essere trascorsa all’insegna del rispetto delle distanze sulla riva del Ceresio - «Se non si rispettano le regole saremo costretti a chiudere nuovamente tutto», aveva avvertito Borradori due giorni fa - GUARDA LE FOTO

  • 4

    Assembramenti a Lugano, «non ci siamo!»

    Pandemia

    Il municipale Lorenzo Quadri diffonde le foto di gente che non rispetta il distanziamento e tuona: «La polizia non fa contravvenzioni, poi fanno cassetta coi radar per 5 km/h in più»

  • 5
  • 1
  • 1