E se fosse un’estate da record?

TURISMO

L’apetura delle frontiere non frena il settore – I dati sui pernottamenti di giugno nelle strutture alberghiere del Luganese sono ottimi – Sarman: «Ci sono i presupposti per un’altra stagione da incorniciare»

E se fosse un’estate da record?
© CdT/ Chiara Zocchetti

E se fosse un’estate da record?

© CdT/ Chiara Zocchetti

E se l’estate turistica ticinese replicasse quella straordinaria dello scorso anno? Le sensazioni tra gli operatori del settore divergono. I dati ufficiali di giugno verranno pubblicati dall’Ufficio federale di statistica a inizio agosto. Solo a quel momento si potrà presentare, con tutti i crismi del caso, un primo bilancio di mezza estate. Eppure, qualche indizio concreto sull’andamento stagionale esiste già.

Chi ben comincia

«Ci sono dei dati parziali, ricavati dalla piattaforma H-Benchmark, che fanno riferimento al Luganese». A parlare è Igor Sarman, ricercatore presso Osservatorio del Turismo dell’USI. «Questi dati dicono che l’occupazione media per il mese di giugno è stata del 71%, circa il 30% in più rispetto a quello che si è registrato nel 2020. Se vogliamo considerare un dato non...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1