Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Lugano

Mercoledì scorso davanti al LAC si è svolta a Lugano un’azione di salvataggio simulata - FOTO E VIDEO

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago
Foto Rescue Media

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Foto Rescue Media

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

 Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

Ecco come sono stati soccorsi i ragazzi caduti nel lago

LUGANO - Mercoledì scorso, davanti al LAC, si è svolta a Lugano un’azione di salvataggio simulata, come già riferito nell’edizione cartacea di oggi del Corriere del Ticino. Questo lo scenario: tre giovani si sono trovati in difficoltà a risalire su un pedalò da cui si erano tuffati poco prima poiché il mezzo è stato allontanato dal vento, dopo di che uno di loro è riuscito a raggiungere la riva, mentre gli altri due sono scomparsi sotto la superficie dell’acqua. Sul posto sono intervenuti gli uomini della sezione luganese della Società svizzera di salvataggio, una dozzina che sono stati coordinati da Patrick Tempobono.

La squadra era composta da due piloti, un capo intervento, sei sub e quattro operatori apneisti, tutti sollecitati ad affrontare l’esercizio come se fosse una situazione reale. I sub hanno anche avuto l’occasione di provare il gran facciale: una tipologia di maschera subacque che, coprendo l’intero volto, permette di comunicare con la superficie la situazione sott’acqua.

E adesso su cdt.ch siamo in grado di mostrarvi le foto e il video di questa esercitazione.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1