Ecco il nuovo veicolo per gli incendi boschivi

Lugano

È stato consegnato ai pompieri della Città presso il Centro TCS di Rivera

 Ecco il nuovo veicolo per gli incendi boschivi
Il nuovo mezzo e - da sinistra - Michele Bertini, Fabio Stampanoni e Mauro Gianinazzi. (Foto TCS)

Ecco il nuovo veicolo per gli incendi boschivi

Il nuovo mezzo e - da sinistra - Michele Bertini, Fabio Stampanoni e Mauro Gianinazzi. (Foto TCS)

Oggi - luneddì - al Centro TCS di Rivera è stato presentato il nuovo veicolo in dotazione ai pompieri di Lugano che sarà utilizzato per intervenire in caso di incendi in zone boschive o all’interno di nuclei non accessibili agli altri automezzi in dotazione al corpo. Si tratta di un Toyota Hilux 2.4D-4D 4x4 linea Luna, allestito con attrezzature che che appunto permetterà ai vigili del fuoco luganesi di intervenire in modo efficace in zone non raggiungibili con grandi mezzi. Con 500 metri di tubi, una vasca rigida da 3600 litri, due sacchi da 600 litri elitrasportabili, altrettante pompe, un sistema d’illuminazione aumentato oltre che un nutrito arsenale di attrezzi, ha potenzialità elevate nella lotta contro il fuoco.

Il suo predecessore era entrato in servizio nel luglio del 2003 ed è stato mandato in pensione dopo aver percorso 10'000 km. Nei 16 anni della sua carriera è stato impiegato in occasione di 300 incendi.

Il nuovo mezzo è stato inaugurato alla presenza del vicesindaco della Città di Lugano Michele Bertini, del presidente del Gruppo del Luganese del TCS Fabio Stampanoni, del comandante dei pompieri luganesi Mauro Gianinazzi e di Aron Ghiringhelli, responsabile per la tematica degli incendi boschivi in seno alla Sezione forestale del Dipartimento del territorio.

L’investimento totale è stato di 110'00 franchi, 50'000 dei quali offerti dal TCS e gli altri 60'000.- a carico della città di Lugano per l'allestimento della sovrastruttura e del materiale d'intervento.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    «Torniamo a vivere, siamo emozionati»

    Discoteche

    Sandro «Katta» Cattaneo, direttore artistico e responsabile marketing del Seven Group, sorride: «C’è tanto lavoro da fare in vista di sabato, sarà interessante capire come reagirà la gente al certificato COVID»

  • 2

    «Pronti a riaccogliere il pubblico del Festival»

    LE REAZIONI

    Raphaël Brunschwig spera in una «quasi normalità» a Locarno in agosto – Ma le riaperture decise dal Consiglio federale fanno felice pure il LAC e consentiranno all’OSI di organizzare l’evento pilota del 30 giugno senza l’obbligo del certificato COVID

  • 3

    «La polizia è autonoma nella pianificazione e nello svolgimento delle sue attività»

    autogestione

    Il Consiglio di Stato ha risposto a tre atti parlamentari sul tema dell’autogestione ma a causa dell’inchiesta alcuni aspetti non sono stati toccati – Manuele Bertoli: «Non potete pretendere risposte su fatti che devono essere accerti da un altro potere» - Norman Gobbi: «Posti di blocco: nulla di illegale» – Discussione generale bocciata due volte e non senza tensioni

  • 4

    Emanuele Dati nuovo direttore dell’Ospedale regionale di Lugano

    sanità

    Il 41.enne dovrà affrontare «le impegnative sfide del dopo pandemia in un contesto in continuo sviluppo», sottolinea l’Ente ospedaliero cantonale in un comunicato - Da subito il Civico «diventerà il cantiere più importante di EOC e lo rimarrà per i prossimi anni»

  • 5
  • 1
  • 1