Ecco il nuovo veicolo per gli incendi boschivi

Lugano

È stato consegnato ai pompieri della Città presso il Centro TCS di Rivera

 Ecco il nuovo veicolo per gli incendi boschivi
Il nuovo mezzo e - da sinistra - Michele Bertini, Fabio Stampanoni e Mauro Gianinazzi. (Foto TCS)

Ecco il nuovo veicolo per gli incendi boschivi

Il nuovo mezzo e - da sinistra - Michele Bertini, Fabio Stampanoni e Mauro Gianinazzi. (Foto TCS)

Oggi - luneddì - al Centro TCS di Rivera è stato presentato il nuovo veicolo in dotazione ai pompieri di Lugano che sarà utilizzato per intervenire in caso di incendi in zone boschive o all’interno di nuclei non accessibili agli altri automezzi in dotazione al corpo. Si tratta di un Toyota Hilux 2.4D-4D 4x4 linea Luna, allestito con attrezzature che che appunto permetterà ai vigili del fuoco luganesi di intervenire in modo efficace in zone non raggiungibili con grandi mezzi. Con 500 metri di tubi, una vasca rigida da 3600 litri, due sacchi da 600 litri elitrasportabili, altrettante pompe, un sistema d’illuminazione aumentato oltre che un nutrito arsenale di attrezzi, ha potenzialità elevate nella lotta contro il fuoco.

Il suo predecessore era entrato in servizio nel luglio del 2003 ed è stato mandato in pensione dopo aver percorso 10'000 km. Nei 16 anni della sua carriera è stato impiegato in occasione di 300 incendi.

Il nuovo mezzo è stato inaugurato alla presenza del vicesindaco della Città di Lugano Michele Bertini, del presidente del Gruppo del Luganese del TCS Fabio Stampanoni, del comandante dei pompieri luganesi Mauro Gianinazzi e di Aron Ghiringhelli, responsabile per la tematica degli incendi boschivi in seno alla Sezione forestale del Dipartimento del territorio.

L’investimento totale è stato di 110'00 franchi, 50'000 dei quali offerti dal TCS e gli altri 60'000.- a carico della città di Lugano per l'allestimento della sovrastruttura e del materiale d'intervento.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Da oggi ogni giorno è buono per lo sgombero dell’ex Macello

    Lugano

    A meno che gli autogestiti decidano a breve di sedersi a un tavolo per discutere una sede alternativa, la Città ora può legalmente liberare forzatamente gli spazi - Borradori: «Se ne occuperà la Polizia, nemmeno noi sapremo quando accadrà fino a pochi minuti prima dell’inizio dell’operazione»

  • 2

    Croce Verde cerca casa: rispunta l’ipotesi Breganzona

    Lugano

    L’ente riprova a portare avanti il progetto di una nuova sede sul Pian Povrò, che in passato era stato contestato - L’alternativa rimane quella di costruire dietro la «base» attuale a Pregassona, ma le tempistiche paiono più sfavorevoli

  • 3

    Da Trapani a Lugano in bicicletta

    La storia

    Giuseppe Bica ha concluso il suo lungo viaggio: tremila chilometri per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla mobilità sostenibile e per aiutare Medici Senza Frontiere

  • 4

    Presunto stupro, toni accesi in aula

    processo

    Nel secondo giorno di dibattimento le parti hanno cercato di screditare la credibilità dei loro avversari - La donna afferma di essere stata violentata, l’uomo parla di rapporto consenziente - Sentenza settimana prossima

  • 5

    «Con quel sondaggio la Città non c’entra nulla»

    Polo Sportivo

    L’MPS accusa il Municipio di fare campagna in vista sul referendum con una ricerca d’opinioni pilotata e con soldi pubblici - Lugano però smentisce: «Non l’abbiamo commissionato noi e di certo non è finanziato con soldi pubblici» - Il Movimento: «Rischi seri per la libera espressione democratica»

  • 1
  • 1