Ex Macello: «La demolizione non è mai stata sottoposta al Municipio»

AUTOGESTIONE

L’Esecutivo cittadino spiega ora di non avere mai autorizzato le ruspe sull’intero stabile, ma solo per il tetto – Negli scorsi giorni si sarebbero fatte avanti «diverse realtà autogestite – A breve un momento per recuperare gli oggetti personali

Ex Macello: «La demolizione non è mai stata sottoposta al Municipio»

Ex Macello: «La demolizione non è mai stata sottoposta al Municipio»

La demolizione completa dell’ex Macello non è mai stata sottoposta al Municipio in passato, nei giorni precedenti alla manifestazione né la notte dei fatti. Lo afferma l’Esecutivo stesso, a margine della riunione odierna convocata «per accertare i fatti» e per gettare le basi dei prossimi passi relativi al tema dell’autogestione a Lugano. «L’intervento sull’immobile, prospettato intorno alle 21.30 di sabato 29 maggio dalla polizia per ragioni di sicurezza delle persone, era di natura minore e riguardava sostanzialmente il tetto e non la demolizione completa dello stabile», si legge nel comunicato stampa. Il Municipio ha quindi deciso che verrà aperta un’inchiesta interna in modo complementare alle procedure penali e amministrative in corso.

E c’è un’altra novità. La Città di Lugano fa sapere che «negli scorsi giorni si sono fatte avanti diverse realtà autogestite presenti in Città che desiderano essere

riconosciute e sostenute nelle loro attività». E il Municipio è aperto al dialogo, a patto di ottenere «rispetto della convivenza civile e delle leggi vigenti». In questo dialogo il coinvolgimento del Cantone alla ricerca di soluzioni è considerato «necessario».

Un indirizzo mail per recuperare i propri beni

Infine, viene annunciato che a breve la Città organizzerà la possibilità di recuperare effetti personali, mobilio e libri rimasti negli spazi dell’ex Macello (attualmente l’accesso è precluso). Per la presa di contatto e recupero degli effetti personali viene chiesto agli interessati di annunciarsi all’indirizzo mail [email protected] tramite il quale saranno comunicate le informazioni di dettaglio (giorno, orario, luogo e modalità di recupero).

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Zanini contro l’MPS, ma il reato non c’è

    EX MACELLO

    Il movimento guidato da Pino Sergi aveva scritto che la municipale era sul posto, la notte dei fatti, per «indicare quali immobili demolire» - La politica socialista, che ha sempre negato, ha reagito con una denuncia per diffamazione - La Procura ha emesso un non luogo a procedere

  • 2
  • 3

    ‘Ndrangheta in Svizzera: un arresto a Grancia e uno a Spreitenbach

    MAFIA

    L’operazione «Imponimento» contro la cosca Anello-Fruci prosegue – L’uomo finito in manette in Ticino è indagato per associazione mafiosa e trasferimento fraudolento di valori – «È risultato tra i soggetti di riferimento dell’organizzazione in terra elvetica»

  • 4
  • 5

    Trieste, Ticino e la Cina: truffa da 300 milioni

    Indagine

    Gli inquirenti italiani hanno disarticolato una maxifrode al fisco che sarebbe stata architettata da tre persone residenti nella Svizzera italiana - Commerciavano materie prime in nero e tramite documenti falsi riuscivano anche a far rientrare a Pechino ingenti capitali asiatici

  • 1
  • 1