Faceva spesa a spese dell’amico

tesserete

Condannato a due anni sospesi un 63.enne che era riuscito a ottenere una carta bancaria di un’altra persona, usandola poi per due anni e prelevandovi quasi 120.000 franchi - Aveva anche l’abitudine di chiedere prestiti agli amici, sapendo di non poterli saldare

 Faceva spesa a spese dell’amico
©CDT/ARCHIVO

Faceva spesa a spese dell’amico

©CDT/ARCHIVO

Dopo essere riuscito a ottenere una carta bancaria PostFinance spacciandosi per un’altra persona che aveva il recapito postale dove lui abitava, l’ha utilizzata per due anni per pagarsi da vivere, spendendo quasi 130.000 franchi a insaputa dell’amico. E anche per questo, ieri, un 63.enne ticinese residente a Tesserete è stato condannato a due anni di carcere sospesi dalla Corte delle assise correzionali presieduta dal giudice Amos Pagnamenta.

L’uomo, difeso dall’avvocato d’ufficio Stefano Camponovo, doveva anche rispondere del reato di truffa, per aver nel corso degli anni chiesto prestiti anche ingenti a dieci amici e conoscenti pur sapendo che non sarebbe stato in grado di ritornare i soldi, cagionando loro complessivamente un danno economico di circa 80.000 franchi. L’imputato, indigente, ha affermato di averlo fatto per far fronte a debiti pregressi e al suo fabbisogno personale. A suo carico anche l’aver prodotto un documento falso a un locatore per nascondere i suoi debiti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    «Spettacolo poco dignitoso» a Porza

    Il caso

    In un comunicato congiunto PLR e PPD stigmatizzano il comportamento di un Municipale di «Insieme per Porza» in occasione dell’ultimo Consiglio comunale

  • 2
  • 3

    Lavori notturni in via Maraini a Lugano

    Città

    Il cantiere sarà allestito a partire da lunedì fino al 19 giugno e ha lo scopo di posa della pavimentazione fonica tra gli incroci con via Riva e con via Motta

  • 4

    «Una Pasqua così non si vedeva da tempo»

    Luganese

    I dati confermano un’ottima occupazione degli alberghi - Federico Haas, presidente di HotellerieSuisse Sottoceneri: «Segnali positivi anche per l’estate ma voliamo a vista: l’orizzonte di pianificazione è breve» - Premiate in particolare le strutture dotate di wellness e di ristorazione

  • 5
  • 1
  • 1