Fermati due ventenni per aver lanciato una molotov contro il radar

Pazzallo

L’episodio risale al marzo 2019, i due giovani hanno causato danni per circa 15 mila franchi

Fermati due ventenni per aver lanciato una molotov contro il radar
CDT/GABRIELE PUTZU

Fermati due ventenni per aver lanciato una molotov contro il radar

CDT/GABRIELE PUTZU

La polizia ha identificato due uomini in relazione all’incendio di un radar semi stazionario, avvenuto l’8 marzo dello scorso anno sull’autostrada A2 a Pazzallo. Si tratta di un 20.enne cittadino brasiliano residente in Italia e un 22.enne cittadino svizzero domiciliato nel Luganese. Il 20.enne, già oggetto di ricerca, è stato fermato da agenti della Polizia della città di Lugano mentre il 22.enne da agenti della Polizia cantonale. In base a una prima ricostruzione, il 20.enne avrebbe incendiato l’apparecchiatura con una bottiglia riempita di benzina. Apparecchiatura che aveva riportato danni quantificabili in circa 15.000 franchi. Questo per evitare al 22.enne, pure presente sul posto, le conseguenze di un eccesso di velocità rilevato dal radar. Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di incendio intenzionale e danneggiamento aggravato. L’inchiesta è coordinata dal Sostituto Procuratore generale Nicola Respini.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    «Varese, Como e Lugano unite possono competere con Milano»

    Lo spunto

    La regione, se vista dall’alto, forma una metropoli di 1,83 milioni di abitanti - Il sindaco di Varese Galimberti parla dei rapporti con il Ticino e delle potenzialità, rispetto ai grandi centri, delle città medie - «Però devono collaborare»

  • 3

    Parti di Lugano scottano, ma si possono raffreddare

    Isole di calore

    Città mappata con termocamere: in viale Cattaneo una sera d’agosto alle sette c’erano oltre quaranta gradi, sotto gli alberi a pochi metri una decina in meno - Si studiano possibili soluzioni dai giochi d’acqua a vele, resine e tetti verdi

  • 4

    Lo spacciatore agli inquirenti: «Grazie per avermi fermato»

    Lugano

    Due anni sospesi a un 41.enne a processo oggi che in tre anni ha venduto oltre un chilo di cocaina a diversi acquirenti della zona - L’ha fatto per finanziare il suo consumo, cominciato a causa di una depressione dovuta a una grave malattia - Gli è stato riconosciuto il sincero pentimento

  • 5
  • 1
  • 1