Fiamme nel salone, ignote le cause

AGNO

I pompieri sono intervenuti in piazza Vicari attorno a mezzogiorno – Temporaneamente chiusa la strada, per agevolare le operazioni

Fiamme nel salone, ignote le cause
© Rescue Media

Fiamme nel salone, ignote le cause

© Rescue Media

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

Fiamme nel salone, ignote le cause

È stato il fumo che usciva dallo stabile ad allarmare i passanti, che hanno immediatamente chiamato i pompieri. L’incendio - riferisce Rescue Media - è scoppiato questa mattina in un negozio di estetica di piazza Vicari, ad Agno.

I pompieri hanno raggiunto il salone attorno a mezzogiorno, evitando che le fiamme si propagassero.

Sul posto è intervenuta anche la polizia, che ha temporaneamente chiuso un tratto di strada per agevolare le operazioni di soccorso.

Al momento le cause che hanno generato il rogo non sono note. Nessuno avrebbe riportato conseguenze fisiche.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    «La polizia voleva intervenire sullo stabile»

    Ex Macello

    Già l’11 marzo il Municipio decise lo sgombero, ma poi cambiò idea e optò per la disdetta - Comunale e cantonale erano consapevoli che il problema principale sarebbe stato il controllo dell’area dopo la demolizione e avevano ventilato l’ipotesi di intervenire sulla struttura

  • 3

    Ecco il piano di Bally per Villa Heleneum

    Lugano

    Il Municipio spiega perché ha scelto il progetto espositivo dell’azienda di Caslano - «È una proposta che stimola esperienze nuove: in Ticino mancano spazi museali dedicati alla moda» - I nuovi gestori investiranno per adeguare gli spazi interni e verseranno un affitto annuo al Comune

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1