«Gli autogestiti restino anche nell’ex Macello rinnovato»

Lugano

In vista della manifestazione del 14 settembre, il PS ribadisce che le attività dei molinari sarebbero compatibili con la proposta di rinnovare completamente la struttura

 «Gli autogestiti restino anche nell’ex Macello rinnovato»
L’ex Macello (fotogonnella)

«Gli autogestiti restino anche nell’ex Macello rinnovato»

L’ex Macello (fotogonnella)

Si avvicina il 14 settembre, data della manifestazione a Lugano pro autogestione, e oggi il PS di Lugano ha preso posizione sulla questione, criticando innanzitutto il voto a Palazzo civico della scorsa primavera. «La maggioranza del Consiglio comunale di Lugano si è purtroppo espressa per una progettazione all’ex Macello senza autogestione», è stato ricordato in una nota stampa a firma del presidente del PS cittadino, Raoul Ghisletta.

«Il PS Lugano con i Verdi propose allora di includere l'autogestione nel futuro stabile rinnovato dell’ex Macello, che sarà realizzato tra 5-6 anni, in modo da costituire un'arricchente coabitazione fra le attività proposte dalla Città e dall'autogestione. Infatti le proposte culturali dell’autogestione sono aperte a tutte le persone interessate e lo spazio all'ex Macello è sufficiente per soddisfare tutte le esigenze», hanno ribadito i socialisti.

«Per il PS è fondamentale che a Lugano possano esistere attività culturali, concerti e manifestazioni indipendenti dalla programmazione della Città, alternative ad altre offerte, aperte a tutta la popolazione e con prezzi attenti alle fasce meno abbienti. Il progetto di rivalorizzazione del comparto ex Macello non può andare a discapito di una realtà socioculturale importante per una Città estremamente povera di offerte non imbrigliate dalle costrizioni culturali dominanti: una coabitazione pacifica e mutualmente arricchente fra l’Autogestione e gli spazi multifunzionali proposti dal Municipio non solo è possibile, ma è auspicabile», ha concluso il PS, non prima di spiegare che «in vista della manifestazione del 14 settembre per l'autogestione il PS Lugano ribadisce che essa deve avere diritto di cittadinanza in una realtà urbana come Lugano, riconferma l’assoluta necessità di un dialogo costruttivo e rispettoso tra Municipio e autogestione ed auspica che si eviti uno scontro estremamente dannoso per la Città e per la sua aspirazione all’apertura e accoglienza».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    La grande storia della porta seclera di Massagno

    Solidarietà

    Nel 1990 il Comune inviò a Ghipes, in Romania, 85 quintali di vestiti, cibo e medicinali raccolti in una settimana nell’ambito di un’operazione umanitaria - Fu un viaggio avventuroso: «Ci spararono contro» - Nel 1993 dal villaggio arrivò in dono l’opera lignea che è stata restaurata di recente

  • 2
  • 3

    Un luogo per rallentare la demenza

    Manno

    La Croce Rossa ha ampliato il Centro diurno e ora offre la possibilità ai suoi ospiti di mantenere il più a lungo possibile le capacità intellettive e cognitive attraverso cure e terapie specifiche e anche una nuova stanza multisensoriale

  • 4
  • 5

    Spray urticante e proiettili di gomma al Parco di Villa Saroli

    lugano

    Testimoni anonimi parlano di «violenza gratuita» nell’intervento degli agenti volto a fermare una festa illegale - Ma la Polizia nel comunicato sottolinea la «conformità ai protocolli vigenti e il rispetto dei principi di proporzionalità»

  • 1
  • 1