Grandi eventi, per la fase pilota si candida l’OSI

ticino

L’Orchestra della Svizzera italiana vorrebbe tenere un concerto al LAC in giugno

Grandi eventi, per la fase pilota si candida l’OSI
© CdT/Gabriele Putzu

Grandi eventi, per la fase pilota si candida l’OSI

© CdT/Gabriele Putzu

Nel piano elaborato da Berna qualche settimana fa, concerti, festival e partite potranno tornare a ospitare il pubblico in maniera graduale, seguendo sostanzialmente tre fasi. Da fine maggio i Cantoni potranno autorizzare i grandi eventi che si terranno a partire da luglio con un massimo di 3 mila partecipanti. Da settembre, poi, il pubblico potrà arrivare a 10 mila persone. Per garantire lo svolgimento delle manifestazioni dovrà essere messo a punto un rigido piano di protezione e, soprattutto, l’ingresso agli eventi dovrebbe essere consentito unicamente alle persone vaccinate, a chi è guarito dal virus e a chi si è sottoposto di recente a un tampone risultato negativo. Per testare i piani di protezione il Consiglio federale ha previsto una fase pilota nel mese di giugno. Un po’ sul modello di quanto fatto negli altri Paesi, i Cantoni potranno autorizzare tre manifestazioni con un pubblico fra le 300 e le 600 persone. E in Ticino qualcuno si è già fatto avanti. L’Orchestra della Svizzera italiana (OSI) si è infatti proposta al Cantone per tenere un concerto al LAC, come ci è stato confermato dal capodicastero Cultura, Sport e Eventi di Lugano, nonché membro del Consiglio di fondazione dell’OSI Roberto Badaracco. «Speriamo che il Consiglio di Stato possa tenere conto della candidatura dell’Orchestra della Svizzera italiana. Sarebbe un bel segnale per tutto il mondo culturale», ha commentato Badaracco. Il Consiglio di Stato, per il momento, non si sbilancia nel dire quali e quanti eventi potrebbero essere autorizzati in giugno per la fase pilota. Sembra però che il gruppo di lavoro sui grandi eventi stia vagliando diverse possibilità. Soprattutto, potrebbero essere prese in considerazione manifestazioni eterogenee: concerti sì, ma anche eventi sportivi. Qualche indizio in più dovrebbe arrivare tra una settimana, il 26 maggio, quando il Consiglio federale dovrebbe prendere una decisione sulla nuova fase di allentamenti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1