Lugano

I cormorani non sono più una minaccia

Il numero di esemplari contati sul Ceresio, tra migratori e stanziali, è calato in questi anni

I cormorani non sono più una minaccia
Foto d’archivio CdT.

I cormorani non sono più una minaccia

Foto d’archivio CdT.

LUGANO - Troppi cormorani stanno mettendo in pericolo le azioni di ripopolamento nel golfo di Ponte Tresa e più in generale nel lago? Questa volta il grido d’allarme non arriva dal Ticino ma da oltre frontiera. «Poche settimane fa abbiamo rilasciato nel Ceresio un centinaio di trote di buone dimensioni, grandi fra uno e due chili l’una. Eppure i pescatori svizzeri, che stanno pescando con i galleggianti, non ne hanno catturata nemmeno una. Che fine hanno fatto?». A chiederselo in una recente intervista rilasciata al quotidiano di Varese «La Prealpina» è Fiorenzo Previatello, presidente dell’Unione pescatori del Lago Ceresio, convinto che il colpevole sia solo lui, l’odiato cormorano. Odiato? Oggi però forse un po’ meno rispetto a qualche anno or sono come rileva Urs Luechinger presidente della...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
    Lo spunto

    «Varese, Como e Lugano unite possono competere con Milano»

    La regione, se vista dall’alto, forma una metropoli di 1,83 milioni di abitanti - Il sindaco di Varese Galimberti parla dei rapporti con il Ticino e delle potenzialità, rispetto ai grandi centri, delle città medie - «Però devono collaborare»

  • 3
    Isole di calore

    Parti di Lugano scottano, ma si possono raffreddare

    Città mappata con termocamere: in viale Cattaneo una sera d’agosto alle sette c’erano oltre quaranta gradi, sotto gli alberi a pochi metri una decina in meno - Si studiano possibili soluzioni dai giochi d’acqua a vele, resine e tetti verdi

  • 4
    Lugano

    Lo spacciatore agli inquirenti: «Grazie per avermi fermato»

    Due anni sospesi a un 41.enne a processo oggi che in tre anni ha venduto oltre un chilo di cocaina a diversi acquirenti della zona - L’ha fatto per finanziare il suo consumo, cominciato a causa di una depressione dovuta a una grave malattia - Gli è stato riconosciuto il sincero pentimento

  • 5
  • 1