Consiglio federale

I debiti di Campione d’Italia e i ristorni dei frontalieri vanno trattati separatamente

Lo ha affermato il ministro Cassis rispondendo a Marco Romano, preoccupato della persistenza della crisi dell’enclave e dei debiti verso il Ticino, Lugano e vari privati. Globalmente superano i 5 milioni di franchi

I debiti di Campione d’Italia e i ristorni dei frontalieri vanno trattati separatamente
Foto Reguzzi

I debiti di Campione d’Italia e i ristorni dei frontalieri vanno trattati separatamente

Foto Reguzzi

BERNA - Il Consiglio federale segue con grande attenzione la situazione di dissesto economico di Campione d’Italia, che è stata evocata anche in recenti incontri ministeriali italo-svizzeri. Tuttavia, poiché non sussiste alcun legame tra i due dossier, i debiti dell’enclave italiana nei confronti del Ticino devono essere trattati indipendentemente dalla questione dei ristorni. Lo ha dichiarato oggi il ministro degli Esteri Ignazio Cassis rispondendo a un quesito di Marco Romano (PPD/TI) durante l’ora delle domande al Nazionale.

Il parlamentare ticinese si diceva preoccupato del fatto che la crisi istituzionale ed economica di Campione d’Italia persiste e, di conseguenza, i debiti verso il Cantone Ticino, la Città di Lugano e vari privati crescono. Globalmente superano i 5 milioni di franchi. Romano chiedeva al Consiglio federale se non fosse possibile che la Confederazione si coordini con il Ticino affinché il credito campionese «sia messo in compensazione con il ristorno fiscale annualmente dovuto all’Italia, pagando con questo montante i vari creditori».

Secondo Cassis, spetta all’Italia onorare tali debiti. Nella sua risposta il consigliere federale ha anch’egli sottolineato come la situazione nell’enclave non si sia ancora sbloccata e si è detto inquieto per quanto riguarda i servizi transfrontalieri.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2
  • 3
    Lo sviluppo

    Villa Heleneum resta in mano alla Città

    Alcuni privati, su invito dell’Esecutivo, avevano manifestato interesse a rilevarne la gestione, ma le loro proposte sono state giudicate «Non sufficientemente strutturate e concrete»

  • 4
    speciale

    Lugano: ecco cosa vorrei in città

    Dal sindaco alla studentessa universitaria, passando per il dirigente dell’Hockey Club Lugano: cinque personalità differenti ci raccontano cosa, secondo loro, manca in città

  • 5
    Il Progetto

    Il parco di Villa Costanza sarà ingrandito

    Nel corso di un anno sarà ampliato su dei terreni confinanti a sud, già pensati per questo scopo - Resta da valorizzare l’edificio, ma al momento non ci sono proposte concrete

  • 1