I robot della Posta prendono anche l’ascensore

gigante giallo

Da poco più di un mese alleggeriscono il carico di lavoro del personale sanitario dell’ospedale Civico di Lugano trasportando qualsiasi oggetto in piena autonomia - IL VIDEO

I robot della Posta prendono anche l’ascensore
A settembre 2020 è stato messo in funzione il primo robot indoor della Posta all’Ospedale Civico di Lugano © La Posta

I robot della Posta prendono anche l’ascensore

A settembre 2020 è stato messo in funzione il primo robot indoor della Posta all’Ospedale Civico di Lugano © La Posta

A settembre di quest’anno è stato messo in funzione il primo robot indoor della Posta all’Ospedale Civico di Lugano. Il mezzo trasporta medicinali dalla farmacia dell’ospedale situata al piano terra a tutti i reparti e per farlo si sposta autonomamente tra i 18 piani dell’edificio; di recente ha iniziato anche a prendere l’ascensore. Una novità per i robot della Posta e un grande vantaggio perché in questo modo è possibile garantire una consegna tempestiva dei medicinali nel reparto in cui ce n’è bisogno. Grazie alla protezione tramite codice PIN, gli oggetti giungono a destinazione in tutta sicurezza. A ottobre è entrato in funzione all’Ospedale Civico anche un secondo robot della Posta in grado di trasportare carrelli e carichi pesanti di qualsiasi tipo. Al momento il robot trasporta invii di medicinali di grandi dimensioni. In futuro potrà trasportare anche carrelli contenenti rifiuti, generi alimentari o biancheria. Questo secondo robot è un vero e proprio jolly: trasporta senza problemi fino a 700 kg di materiale.

Loading the player...
© La Posta
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Lugano è anche «povera»

    Socialità

    Tre punti di vista per un fenomeno unico, la fatica di vivere di chi dispone di risorse economiche al imite della sopravvivenza - Senza interventi statali, in città quasi un quinto dei nuclei abitativi non raggiungerebbe il fabbisogno minimo vitale - Fra Martino Dotta: «In preoccupante aumento chi ci chiede di pagargli le fatture»

  • 2

    Scuola Steiner di Origlio, a soqquadro la caffetteria

    Atto vandalico

    Sconcertante scoperta questa mattina da parte di una mamma volontaria - Locale messo sottosopra da ignoti autori che avrebbero lasciato tracce di sangue sul posto - Silvia Carloni: «Odio inspiegabile»

  • 3

    Scuola Steiner, «Un colpo al cuore in un momento delicato»

    origlio

    Approfittando della chiusura della scuola a causa della recente quarantena, degli ignoti hanno devastato la caffetteria - «Questo locale non è un simbolo dell’insegnamento, è un punto di snodo, l’azione vandalica ha ferito proprio tutti, da chi la scuola la vive completamente, a chi la frequenta occasionalmente», ha affermato la presidente del comitato scolastico Silvia Carloni

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1