«Il Casinò era visto come un peso, ora la città ci guarda con orgoglio»

Lugano

Intervista alla direttrice della casa da gioco sul Ceresio, che lascerà la carica il prossimo 30 novembre

«Il Casinò era visto come un peso, ora la città ci guarda con orgoglio»
Emanuela Ventrici.

«Il Casinò era visto come un peso, ora la città ci guarda con orgoglio»

Emanuela Ventrici.

Dopo quasi dodici anni al Casinò di Lugano, di cui cinque da direttrice, il prossimo 30 novembre Emanuela Ventrici lascerà la guida della casa da gioco per «orientare la sua carriera verso traguardi ancora più ambiziosi». L’abbiamo intervistata tra crisi, successi e sfide future.

A breve lascerà la direzione del Casinò. Cosa ha in serbo per lei il futuro?

«Nella mia vita professionale ho voluto mettermi alla prova con sfide sempre più stimolanti e ambiziose. Ho sempre amato viaggiare ed è questo il motivo per cui ho cominciato a lavorare nell’ambito dei casinò. E la mia carriera è stata finora come un lungo viaggio avventuroso con tante tappe importanti. Fino a questo momento sicuramente la tappa più ricca di stimoli e soddisfazioni è stata proprio quella che sta per concludersi: assumere la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1