Il Gruppo HRS Real Estate con Renzetti si aggiudica il concorso per il Polo sportivo

LUGANO

Lo ha comunicato il Municipio della Città - Escluso il Consorzio Pallone, che non ha presentato la documentazione richiesta dal bando ma ha inviato solo un’offerta spontanea limitata allo stadio e al palazzetto dello sport

Il Gruppo HRS Real Estate con Renzetti si aggiudica il concorso per il Polo sportivo

Il Gruppo HRS Real Estate con Renzetti si aggiudica il concorso per il Polo sportivo

Il Gruppo HRS Real Estate SA, di cui fa parte la Renzetti & Partners SA - di proprietà dell’attuale presidente del FC Lugano Angelo Renzetti -, si è aggiudicato il concorso per la realizzazione del Polo sportivo e degli eventi.

HRS SA, come comunica una nota della città, «ha fornito, in particolare, un calcolo dettagliato dei costi e una valutazione finanziaria conforme alle prescrizioni del bando di concorso». L’offerta - si legge ancora - «rispetta tutti i contenuti sportivi del progetto, sia dello stadio (con i requisiti imposti dalla Swiss Football League-SFL per uno stadio di categoria A+) sia del palazzetto dello sport, che prevede la realizzazione di una palestra tripla per sport ed eventi di grande pubblico, una palestra doppia, e palestre dedicate alla scherma, al judo e al tennis tavolo».

Per questi sport e per la pallacanestro, le federazioni nazionali hanno indicato Lugano e il suo centro sportivo nella lista delle concezioni degli impianti sportivi d’importanza nazionale (CISIN): l’iniziativa, coordinata dall’Ufficio federale dello Sport, costituisce la base per la concessione degli aiuti finanziari della Confederazione per la costruzione di impianti sportivi di importanza nazionale.

Escluso dal concorso il Consorzio Pallone - composto dal gruppo tedesco HellMich Gruppe e dall’imprenditore ticinese Silvio Tarchini - che non ha presentato la documentazione richiesta dal bando ma ha inviato solo un’offerta spontanea limitata allo stadio e al palazzetto dello sport, quindi senza le famose e controverse torri destinaste ad ospitare, tra le altre cose, gli uffici della Città.

La proposta del Consorzio Pallone non soddisfa neppure completamente dal punto di vista sportivo, «in particolare, il palazzetto dello sport manca della palestra doppia, delle sale dedicate alle singole discipline, degli spogliatoi e dei locali depositi; mentre per lo stadio sono assenti diversi locali necessari per l’omologazione della SFL (locali di sicurezza, aree TV, postazioni media, autorimessa sotterranea dedicata alle utenze delle partite di calcio). In generale, il progetto proposto differisce in modo sostanziale da quello previsto nel bando».

Considerata la rinuncia da parte del Consorzio Pallone a inoltrare un’offerta conforme alle condizioni di concorso (che prevedevano l’inammissibilità di varianti sostanziali di progetto), il Municipio - tenuto conto del preavviso del Collegio di esperti – ha deciso di escluderlo dal concorso di aggiudicazione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    Un mattone al Maglio che potrebbe valere la Super League

    Lugano

    La Lega calcio chiede che si cominci a costruire il nuovo stadio l’anno prossimo, ma potrebbe accontentarsi dell’inizio dei lavori al «Parco dello sport» previsto a Canobbio - Badaracco: «I progetti sono infatti legati a doppio filo»

  • 3
  • 4
  • 5

    «Quanti romandi in vacanza a Lugano»

    Turismo

    Per tenere a galla il settore turistico si faceva affidamento soprattutto sugli svizzerotedeschi, ma a sorprendere gli operatori è stata la risposta, tutt’altro che scontata, dei «cugini» francofoni - Federico Haas: «Ne beneficeremo anche nei prossimi anni» - Prenotazioni in calo per fine agosto: «Ci mancheranno i britannici e gli americani»

  • 1
  • 1