Il Lugano Dante si apre alla città

Alberghi

Il rinnovato hotel mira a essere qualcosa in più di una semplice struttura alberghiera, e per questo si è dotata di un nuovo bar e di una nuova cucina a disposizione di tutti - Il sindaco Borradori: «Tutti dovremmo imparare da loro»

 Il Lugano Dante si apre alla città
©TI-PRESS

Il Lugano Dante si apre alla città

©TI-PRESS

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città
Carlo Fontana e Sabrina Dandrea, General e Resident Manager del Dante Lugano.

Il Lugano Dante si apre alla città

Carlo Fontana e Sabrina Dandrea, General e Resident Manager del Dante Lugano.

 Il Lugano Dante si apre alla città
Lo chef Davide Maci.

Il Lugano Dante si apre alla città

Lo chef Davide Maci.

 Il Lugano Dante si apre alla città
Il bar manager Simone Maci.

Il Lugano Dante si apre alla città

Il bar manager Simone Maci.

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

 Il Lugano Dante si apre alla città

Il Lugano Dante si apre alla città

Essere il nuovo salotto urbano di Lugano. A questo ambisce l’hotel Lugano Dante, che ha presentato oggi in conferenza stampa le importanti modifiche che ha apportato alla propria struttura ricettiva. A partire dal nome: via l’«hotel» dalla facciata, ora l’albergo si chiama «LUGANODANTE» (tutto maiuscolo e attaccato). «Abbiamo compiuto scelte molto forti - ha detto il general manager Carlo Fontana (l’albergo è della famiglia dal 1985). - Dovevamo aprirci alla città, non offrire più solo camere e sale conferenze. Il turista oggi vuole un’esperienza, vuole vivere il locale». La famiglia Fontana si è quindi rivolta a una società di consulenza internazionale basata in Italia, Teamwork Hospitality, per aiutarla a curare il rilancio in ogni dettaglio, dall’aspetto della rinnovata struttura giù fino alla musica di sottofondo e alle divise del personale.

Il risultato, è innanzitutto una hall interamente ripensata (l’intero progetto di interior design è curato dallo studio Rizoma Architetture), che mira a essere un luogo aperto sia per i turisti che per i Luganesi. Spiccano un bar dedicato alla mixologia e una cucina aperta - di cui si occuperanno, rispettivamente, i fratelli Simone e Davide Maci - che opereranno sotto il brand «Flamel» e garantiranno un servizio su pressoché 24 ore, all’insegna della Svizzera: in cucina gli ingredienti derivano da produzioni biologiche di agricoltori ticinesi o svizzeri (e alcuni saranno forniti dal nuovo orto che è stato piazzato sul tetto dell’edificio), mentre al bar particolare, se non esclusiva, attenzione sarà data ai distillati di produzione confederata. Il progetto si chiama 98% Suisse. Il restante 2%, è stato spiegato, è riservato a una spezieria che si intende presto aprire nel negozio a fianco all’ingresso dell’albergo.

Particolare attenzione è stata data alle luci (curate dalla lightning designer Chiara Tambellini), che nella zona bar e cucina cambieranno sei volte al giorno a dipendenza della musica e del momento della giornata. Luci che saranno protagoniste anche della rinnovata sala conferenza, ora definita «Creative Box», che sarà caratterizzata da un giardino d’inverno e da un innovativo lucernario sviluppato da una società di San Francisco che riprodurrà l’effetto del sole e della luna, seguendo il ritmo circadiano. «A nostra conoscenza, è la prima installazione in Europa di questa tecnologia in una struttura dedicata all’ospitalità», si legge in una nota stampa. La nuova sala conferenze è pensata per essere utilizzabile per incontri di lavoro, come spazio coworking o come sala lounge. Sono infine state rinnovate tutte le camere.

Il rinnovamento di un albergo non è cosa frequente in Ticino, in particolare in questo periodo di pandemia, e attorno a quanto fatto dal Lugano Dante vi è parecchio interesse. A testimoniarlo è stata la conferenza stampa, ben frequentata e a cui hanno presenziato i principali attori del settore dell’accoglienza ticinese. Fra gli altri possiamo citare il direttore di Ticino Turismo Angelo Trotta, il direttore della Divisione cantonale dell’economia Stefano Rizzi, e il direttore di HotellerieSuisse Ticino Lorenzo Pianezzi. Tutti hanno speso parole d’elogio per l’iniziativa della famiglia Fontana, meglio riassunte con le parole del sindaco di Lugano Marco Borradori (anch’egli presente): «Nell’iniziativa ci sono cuore, passione e risorse spesi per fare qualcosa di diverso. Se tutti facessero così ne guadagnerebbe tutta Lugano. È un segnale molto positivo per il futuro da cui tutti noi dovremmo imparare».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Noè Ponti fa Splash (& Spa)

    Nuoto e benessere

    Il nuotatore medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Tokyo 2020 diventa testimonial di Splash & Spa Tamaro

  • 2

    L’importanza degli operatori di strada in Malcantone

    Sostegno

    L’inclusione dei giovani all’interno della società è l’obiettivo primario di Prometheus, associazione attiva nella regione – Il presidente: «Ci adoperiamo per un rilevamento precoce di eventuali difficoltà» – Da progetto pilota ora punta a diventare servizio regionale

  • 3
  • 4

    Canobbio, tredici milioni per la sala multiuso

    Il progetto

    l vaglio del Consiglio comunale l’atteso investimento «per creare una struttura che dia spazio a scuole e associazioni per i prossimi trent’anni», con le parole del sindaco Roberto Lurati - Sarà costruito un nuovo edificio a fianco delle Elementari che fungerà anche da palestra e potrà ospitare sino a 500 persone

  • 5
  • 1
  • 1