Il Lux riapre (online)

cinema

Da questo venerdì sarà possibile gustarsi numerosi film direttamente da casa - Il ricavo sosterrà il settore duramente colpito dalle misure di contenimento dell’emergenza coronavirus

Il Lux riapre (online)
CdT/Chiara Zocchetti

Il Lux riapre (online)

CdT/Chiara Zocchetti

Le sale cinematografiche sono chiuse a causa dell’emergenza coronavirus, ma il Lux di Massagno non ha intenzione di fermarsi. Outside the Box, Lux art house Massagno e Otello Ascona informano che il documentario messicano Midnight Family uscirà «virtualmente» nelle sale. «Per questa prima esperienza - si legge in una nota - abbiamo scelto un film che fa eco direttamente all'attualità. La crisi del coronavirus sta mettendo alla prova i nostri sistemi sanitari. Immersa in un'ambulanza privata a Città del Messico, la telecamera di Lorentzen vi permetterà di sperimentare dall'interno cosa può significare un servizio pubblico non funzionante».

Ma come funzionerà? Da venerdì 27 marzo sarà possibile visionare alcuni titoli direttamente da casa. Dal sito internet del Lux www.luxarthouse.ch sarà infatti possibile scegliere e accedere ai seguenti film: Midnigt Familiy, Loulou, À L’école des Philosophes, Favela Olimpica. La sala cinematografica di Massagno segnala inoltre che il film Le Milieu de L’Horizon, appena premiato come miglior film fiction e miglior sceneggiatura ai Premi del Cinema Svizzero, sarà anche disponibile online sul portale a partire da mercoledì prossimo 1. aprile.

«Il 50% dell'importo di questo acquisto andrà alle sale e il 50% al distributore del film. Un modo per continuare a sostenere (un minimo) un settore di attività che è stato duramente colpito dalle misure di contenimento e per mantenere viva la programmazione cinematografica. Un modo semplice per dire che anche il cinema è una necessità fondamentale. Segnaliamo inoltre che, sempre sul sito, sono già disponibili e fruibili gratuitamente alcune nostre produzioni (cortometraggi), tra le quali il film documentario «Fiat LUX», sulla storia del cinema Lux e dei cinematografi del luganese, realizzato in occasione dei 60 anni della sala di Massagno in co-produzione con la RSI».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1