Il Mulino di Maroggia ricomincerà a girare

Luganese

A poco più di un anno di distanza dall’incendio che aveva distrutto gran parte della struttura è stato trovato un accordo con la Bühler AG

Il Mulino di Maroggia ricomincerà a girare
© CdT/ Chiara Zocchetti

Il Mulino di Maroggia ricomincerà a girare

© CdT/ Chiara Zocchetti

È tutto vero. Chiamatelo regalo di Natale anticipato: il Mulino di Maroggia ricomincerà a produrre grazie alla più avanzata tecnologia svizzera. Una bella notizia, indubbiamente, dopo l’incendio che aveva distrutto gran parte della struttura nel novembre del 2020.

L’intero impianto produttivo del Mulino di Maroggia sarà realizzato dal colosso svizzero e leader mondiale del settore: la Bühler AG di Uzwil, San Gallo.

Con Bühler AG, fanno sapere i responsabili del Mulino, è stato trovato un accordo sulla fornitura completa dell’impianto, che potrà quindi nuovamente contare sulla tecnologia svizzera più avanzata nel campo della lavorazione dei cereali. Si tratta infatti del medesimo produttore che già aveva costruito l’impianto dello storico mulino. Il contratto di fornitura verrà sottoscritto a breve, appena il Mulino Maroggia sarà in possesso della licenza edilizia.

«Con la Bühler AG il Mulino Maroggia è legato da decenni oltre che come cliente, anche da legami storico-familiari» si legge nella nota. «Il bisnonno dell’attuale direttore Alessandro Fontana fu, infatti, responsabile della produzione a Uzwil dal 1921 al 1950».

Bühler si è da subito attivata, profondamente colpita dall’evento del 23 novembre 2020, e «ha messo in campo tutto il possibile affinché il progetto di ricostruzione possa essere realizzato in tempi brevi, nonostante le difficoltà a livello globale legate alle materie prime e alla logistica internazionale».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1