Il piano di Moov: settecentomila passeggeri ad Agno

AEROPORTO

La compagnia di Alvaro Nogueira de Oliveira è tra i candidati alla gestione privata dello scalo - L’obiettivo è connettersi con diciannove città europee

Il piano di Moov: settecentomila passeggeri ad Agno
Dove si volerà?  (Foto Putzu)

Il piano di Moov: settecentomila passeggeri ad Agno

Dove si volerà?  (Foto Putzu)

C’è speranza per i voli di linea da e per Agno. Speranza e soprattutto mercato. Ne è convinta Moov Airways, la compagnia aerea con sede a Zugo e in corsa, insieme ad altri sei gruppi, per la gestione dell’aeroporto. Il suo progetto si fonda su tre pilastri e il primo è la volontà di riattivare l’aviazione civile, persa con l’addio alla rotta Lugano-Ginevra. Anche la Città di Lugano rivorrebbe i voli di linea e il bando andava anche in questo senso, ma Palazzo civico probabilmente non si aspettava una proposta tanto ambiziosa, cioè connettere lo scalo di Agno «a diciannove mercati europei con l’ipotesi di movimentare fino a settecentomila passeggeri l’anno», come leggiamo nella presentazione di Moov. Sono numeri da Crossair. «Si tratta di una combinazione di destinazioni tipicamente legate al...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 2

    L’auto con Eitan fermata dalla polizia prima del volo

    Il caso

    Lo rivela il Corriere della Sera, secondo cui le autorità avrebbero svolto un normale controllo identificando gli occupanti – La Polca però nega: «Dalle verifiche esperite al nostro interno non risulta che la Polca bbia mai controllato le persone oggetto dell’articolo»

  • 3

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    Lugano

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4

    «In Svizzera la mafia c’è e investe i suoi soldi»

    conferenza

    All’USI si è tenuto il primo convegno dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata - Intervenuta anche la PM antimafia Alessandra Cerreti: «Grandissima capacità imprenditoriale, investono in bitcoin e sono laureati nelle migliori università»

  • 5
  • 1
  • 1