Il sacco rosso funziona, ma c’è chi ha preso una multa di 5 mila franchi

Grazie al balzello

Dalla sua introduzione, registrato un calo di rifiuti sopra le aspettative a Lugano - Le sanzioni per chi non rispetta le regole sono una decina alla settimana

Il sacco rosso funziona, ma c’è chi ha preso una multa di 5 mila franchi

Il sacco rosso funziona, ma c’è chi ha preso una multa di 5 mila franchi

Il sacco rosso ufficiale funziona. Almeno stando alla diminuzione dei rifiuti solidi urbani (e quindi all’aumento di quelli riciclati) registrata dalla sua introduzione lo scorso 1. gennaio. Il calo è stato del 25%, una percentuale superiore alle attese. «Ci aspettavamo una riduzione del 20%, - spiega il capo area Servizi tecnici della Divisione Spazi urbani Lorenzo Fornara - quindi possiamo dirci molto soddisfatti: l’obiettivo è stato superato». Contento anche il capodicastero Michele Bertini: «Con una rete di 1.350 raccoglitori di rifiuti sparsi sul territorio, che presto diventeranno 1.500, quarantacinque ecopunti e sei ecocentri possiamo dire di offrire un servizio capillare che funziona. E la diminuzione della produzione di rifiuti solidi urbani lo dimostra».

C’è però ancora chi infrange...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1