Il sacrificio delle torri di Cornaredo benedetto dalla Lega

LUGANO

Dalle pagine del Mattino il movimento di via Monte Boglia commenta: «Finalmente i tagli al megalomane progetto di stadio formato Maracanà!»

Il sacrificio delle torri di Cornaredo benedetto dalla Lega

Il sacrificio delle torri di Cornaredo benedetto dalla Lega

LUGANO - Nella «partita a scacchi» per il futuro polo sportivo di Lugano, il destino delle due torri che dovrebbero ospitare uffici pubblici sembra segnato. Dopo le perplessità del Municipio (che teme le reazioni al prospettato trasferimento di servizi pubblici dal Centro a Cornaredo) e il parere espresso dall’imprenditore Silvio Tarchini («le torri non sono fondamentali») come capofila di uno dei due gruppo interessati a investire nell’opera, ecco la presa di posizione della Lega.

«Finalmente i tagli al megalomane progetto di stadio formato Maracanà! – si legge sul Mattino – L’idea di spostare gli uffici dal centro a Cornaredo poteva avere senso quando l’economia tirava. Adesso la musica è cambiata». Da capire se il Municipio proseguirà compatto verso il ridimensionamento dei piani. Di sicuro ad opporsi non sarà il responsabile delle finanze Michele Foletti, che sul progetto del polo sportivo si era espresso in modo netto: «È nato male e finirà peggio».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1
  • 1