In discoteca le mani ballano sulle collanine d’oro: due arresti

Lugano

Serie di furti in un locale notturno di Lugano: in manette due giovani accusati di aver sottratto almeno tre collanine agli avventori

In discoteca le mani ballano sulle collanine d’oro: due arresti
©Shutterstock

In discoteca le mani ballano sulle collanine d’oro: due arresti

©Shutterstock

Due giovani sono finiti in manette con l’accusa di aver sottratto almeno tre collanine d’oro agli avventori di una discoteca di Lugano. Lo comunica la Polizia cantonale, spiegando che, poco dopo le 3.30 di oggi, è giunta la segnalazione di alcuni furti nel locale. Gli addetti alla sicurezza della discoteca sono riusciti in particolare a bloccare un 23.enne cittadino italiano e un 18.enne cittadino algerino, entrambi residenti in Italia. Sul posto sono intervenuti agenti della Polizia cantonale e della Polizia Città di Lugano. I due, nel frattempo arrestati, sono sospettati di essere gli autori del furto di almeno tre collanine d'oro, strappate agli avventori del locale mentre si trovavano sulla pista da ballo. Eventuali parti lese o testimoni sono invitati a contattare la Polizia cantonale allo 0848 25 55 55.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    «Ho pagato un prezzo altissimo»

    LUGANO

    Le parole dell’ex presidente dell’UDC Paolo Clemente Wicht dopo il proscioglimento dalle accuse di truffa e appropriazione indebita e la condanna per amministrazione infedele, omissione della contabilità e falsità in documenti

  • 2
  • 3

    Niente licenza: «Al momento le palazzine non si fanno»

    Melano

    Non c’è il benestare per il progetto che prevedeva la realizzazione di cinque edifici per un totale di circa cento appartamenti – Avviata una verifica del dimensionamento delle zone edificabili – Il sindaco Maffei: «Siamo oltre i parametri»

  • 4
  • 5

    «La polizia voleva intervenire sullo stabile»

    Ex Macello

    Già l’11 marzo il Municipio decise lo sgombero, ma poi cambiò idea e optò per la disdetta - Comunale e cantonale erano consapevoli che il problema principale sarebbe stato il controllo dell’area dopo la demolizione e avevano ventilato l’ipotesi di intervenire sulla struttura

  • 1
  • 1