Indagato un prelato per aver segregato una donna in casa

ticino

Le indagini sono in corso e gli inquirenti ipotizzano il reato di sequestro di persona

Indagato un prelato per aver segregato una donna in casa
©CDT / Archivio

Indagato un prelato per aver segregato una donna in casa

©CDT / Archivio

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale confermano l'apertura di un procedimento penale a carico di un 80.enne sacerdote svizzero residente nel Luganese. Gli accertamenti dovranno in particolare stabilire eventuali comportamenti di rilevanza penale con riferimento alla presenza, in un appartamento occupato dall'uomo, di una 48.enne cittadina straniera risultata priva di regolare permesso di soggiorno.

Le ipotesi di reato sono quelle di sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per condotta omissiva.

Spetterà al Giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC) valutare la sussistenza dei presupposti per la conferma dell'arresto.

L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Pamela Pedretti. Altri accertamenti sono in corso e, vista la particolare delicatezza della vicenda, le autorità non rilasceranno ulteriori informazioni.

Dal canto suo la Curia vescovile, con un comunicato, ammette l’apertura dell’indagine da parte del Ministero pubblico e garantisce la piena collaborazione agli inquirenti. Specifica, inoltre, che non sono coinvolti minori.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Lugano
  • 1

    Fiamme al Liceo di Lugano 1

    Lugano

    L’edificio è stato fatto evacuare e i pompieri si sono precipitati sul posto: avrebbe preso fuoco un armadietto

  • 2

    Intrappolato tra il furgone e il muro

    Luganese

    Curioso incidente in via San Gottardo a Massagno: un uomo è rimasto incastrato contro una parete dopo esser sceso dal suo veicolo che si è poi messo in movimento - FOTO e VIDEO

  • 3
  • 4
  • 5

    Malattia mentale, terrorismo o un mix dei due?

    L’analisi

    L’accoltellamento di Lugano porta alla luce anche da noi un dilemma noto nelle città colpite dai lupi solitari - Esperti spiegano i motivi che portano gli estremisti a reclutare persone deboli: «La religioni spesso c’entra poco»

  • 1
  • 1